La questione etica in agricoltura: passato, presente e futuro

Il convegno su Pietro Cuppari si terrà a Pisa domani, 7 febbraio 2020, ore 9.30

agricoltura-campi-campo-gilallo-colline-by-taiga-fotolia-750.jpeg

Pisa, 7 febbraio 2020
Fonte foto: © Taiga - Fotolia

Domani, venerdì 7 febbraio 2020, dalle 9.00 alle 16.30, si svolgerà a Pisa nell'aula magna del dipartimento di Scienze agrarie un convegno su "La questione etica in agricoltura: passato, presente e futuro - Giornata commemorativa nel 150° anno dalla morte di Pietro Cuppari", organizzato dalla Sezione Centro Ovest dell'Accademia dei Georgofili con il patrocinio dell'Università di Pisa e del Servizio cultura e università della Diocesi di Pisa.

Il ruolo di Pietro Cuppari nell'avvio dello "Istituto agrario pisano" e quindi del primo corso di laurea in Scienze agrarie in Italia, è stato più volte sottolineato come fondamentale, anche a seguito del suo stretto rapporto con Cosimo Ridolfi. A circa cinque anni dal varo del nuovo corso di laurea, Ridolfi dovette rinunciare alla direzione dell'Istituto agrario e, quindi, anche del corso di laurea, chiamando a sostituirlo Pietro Cuppari.

Quest'ultimo rimase per 25 anni - fatta eccezione per il periodo di esonero voluto dal Granduca - alla direzione della Scuola agraria di Pisa influenzandone la caratterizzazione. Considerata l'importante influenza che Cuppari ebbe su questa Scuola, unitamente ad un ruolo importante nella vita culturale della città di Pisa, si è pensato di dedicare, nel giorno esatto della sua morte avvenuta 150 anni fa, una riflessione sulle idee e sull'azione di questo eccellente agronomo, che, se pur legato al suo tempo, mantiene una valenza anche al giorno d'oggi, in particolare per i suoi indubbi valori morali. Attraversò un periodo difficile, ma riuscì a tenere fermo il timone sulla centralità della azienda agraria, come elemento propulsivo per la vita del tempo.

Scopri il programma dell'incontro sulla questione  etica in agricoltura

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 222.256 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner