Nord: fondi per anticipi Pac, apicoltura e innovazione di filiera

Prima tranche da 80 milioni erogata in Piemonte come anticipo Pac 2019. In Lombardia arriva il sostegno al settore apicolo, mentre in Emilia Romagna finanziati altri progetti Goi con 400mila euro

Lorenzo Pelliconi di Lorenzo Pelliconi

soldi-monete-euro-banconote-by-lukas-gojda-fotolia-750.jpeg

Due tranche di anticipi Pac in Piemonte valgono 200 milioni di euro
Fonte foto: © Lukas Gojda - Fotolia

80 milioni di euro per gli anticipi Pac in Piemonte, con altri 120 in arrivo nelle prossime settimane. Un intervento corposo da parte dall'agenzia regionale Arpea per dare supporto in termini di liquidità alle imprese agricole.
Un importante sostegno finanziario da oltre 700mila euro arriva al settore apicolo in Lombardia, messo a dura prova dai cambiamenti climatici, che hanno portato a un dimezzamento della produzione di miele. In Emilia Romagna, infine, sono stanziati finanziamenti per 400mila euro per l'innovazione nella filiera vitivinicola e ortofrutticola.


Lombardia

Apicoltura, 740mila euro per il comparto
La Giunta regionale ha deliberato un sostegno finanziario pari a 740mila euro per la campagna 2019-2020 per il comparto apicolo che, sia a livello regionale che a livello nazionale, sta attraversando un periodo di forte crisi. Con queste risorse, inserite all'interno del Piano annuale, si vuole sostenere la competitività aziendale, migliorare la conoscenza e la capacità imprenditoriale degli agricoltori.

"La Lombardia ha il 12% del patrimonio apistico italiano - sottolinea l'assessore Fabio Rolfi - abbiamo circa 6mila apicoltori attivi. Questo settore ha subito danni enormi negli ultimi anni a causa dei cambiamenti climatici, per questo l'iniziativa deriva dalla volontà di sostenere gli apicoltori lombardi aiutando un settore che offre prodotti di alta qualità e distintivi. A luglio - continua Rolfi - abbiamo chiesto al Governo lo stato di calamità. La produzione di miele in Lombardia quest'anno è diminuita del 75% rispetto alla media, con un sostanziale azzeramento della produzione in collina e in montagna. Cambiamenti climatici ed eventi atmosferici stanno distruggendo il settore, è fondamentale mettere in campo una strategia a livello nazionale".


Piemonte

Pac 2019, erogati anticipi per 80 milioni di euro
In Piemonte l'Arpea, ovvero l'Agenzia regionale piemontese per le erogazioni in agricoltura, ha avviato l'erogazione dell'anticipo comunitario della Pac 2019.
Questa prima tranche interessa circa 13mila aziende agricole beneficiarie per circa 80 milioni di euro. A seguire ci sarà una seconda ondata di pagamenti per ulteriori 120 milioni di euro.

"L'erogazione dell'anticipo comunitario risponde alle attese degli agricoltori - sottolinea la nota della Regione - si va così incontro alle esigenze di liquidità delle imprese in un momento critico, segnato da incertezze e difficoltà. Arpea, inoltre, in un'ottica di semplificazione delle procedure e per garantire una più efficace distribuzione delle risorse, ha progettato e sviluppato un processo informatico che permette di provvedere al pagamento dei contributi, nella percentuale stabilita dalla Commissione Ue, anche per le aziende sottoposte a controllo di condizionalità, che, in passato, erano escluse dall'anticipo".
 

Emilia Romagna

Innovazione, 400mila euro dal Psr per tre progetti dei Gruppi Operativi
Incremento di risorse per l'innovazione nelle filiere vitivinicola e frutticola. La giunta regionale ha integrato uno stanziamento aggiuntivo di 410mila euro per la dotazione finanziaria di un bando varato nell'ambito della misura 16 del Programma regionale di sviluppo rurale (2014-2020), che finanzia progetti in grado di migliorare la produttività e la sostenibilità in agricoltura.
Protagonisti dei progetti i Gruppi operativi per l'innovazione (Goi), costituiti da una partnership fra aziende agricole, università ed enti di ricerca. I tre progetti riguardano la patata di montagna, l'innovazione tecnologica per migliorare le previsioni sulla vendemmia e la programmazione commerciale dell'Enoteca regionale dell'Emilia Romagna.

"Con questa ulteriore tranche da 410mila euro riusciremo a soddisfare tutte le proposte validamente presentate sul bando rivolto all'innovazione di filiera e in particolare nell'ambito delle produzioni vegetali - spiega l'assessore Simona Caselli - Ricerca e innovazione sono fondamentali per rafforzare la competitività delle imprese. Con queste risorse raggiungiamo l'importante quota di 50 milioni di euro destinati ai Goi nella programmazione e 128 gruppi attivati".

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 206.510 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner