Umbria, cresce l'export agroalimentare

I dati riportati dalla Coldiretti regionale su base Istat riportano un aumento del 5,2% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Ma per l'associazione le ricadute positive sulle aziende agricole non sono ancora adeguate

agroalimentare-made-in-italy-ortaggi-carne-olio-by-exclusive-design-fotolia-750.jpeg

Agroalimentare, in crescita le esportazioni umbre
Fonte foto: © Exclusive-Design - Fotolia

Crescono le esportazioni dell'agroalimentare umbro che fanno registrare un aumento del 5,2% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Lo riferisce la Coldiretti regionale sulla base dei dati sul commercio estero del primo semestre del 2019 pubblicati dall'Istat.

Complessivamente, da gennaio a giugno sono stati esportati all'estero beni agricoli e alimentari per un totale di 344,6 milioni di euro, contro i 327,7 del 2018, mentre le importazioni sono passate da 329,6 milioni di euro del primo semestre 2018 a 317,3 milioni di euro dei primi sei mesi del 2019.

Numeri che per l'associazione di categoria vanno difesi e incrementati, con un sistema di regole condiviso, alternativo a ipotesi protezionistiche.

Secondo la Coldiretti gli strumenti più importanti per competere restano il territorio, la qualità e la distintività, accompagnati da politiche sempre più mirate e da strategie aziendali che tengano conto anche dell'evoluzione dei mercati.

Sul piano logistico per l'associazione occorrono trasporti efficienti sulla linea ferroviaria e snodi aeroportuali per le merci che permettano di portare i prodotti rapidamente da Nord a Sud del paese e poi in ogni angolo d'Europa e del mondo.

Tuttavia, se questi dati investono i prodotti enogastronomici umbri anche di un importante ruolo di promozione della regione all'estero, i risultati positivi delle esportazioni agroalimentari non si sono ancora adeguatamente riversati alle imprese agricole a causa delle distorsioni che permangono nel passaggio degli alimenti lungo la filiera dal campo alla tavola.

Un tema caro alla associazione che punta sul potenziamento delle filiere e anche su quello della vendita diretta, che per la verità al momento non riguarda la vendita all'estero dei prodotti, ma resta pur sempre un importante canale di reddito e di promozione per le aziende.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.197 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner