Campania, grandine pioggia e freddo colpiscono l'Irpinia

Cia Campania riporta danni ingenti in tutta la provincia di Avellino su frutteti e seminativi. Difficile trapiantare le ortive e piantare il tabacco. E ora si teme per le affezioni fungine a vigneti e castagneti

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

grandine-maltempo-by-georgeion88-fotolia-750.jpeg

Cia Campania chiede la creazione di un piano di prevenzione
Fonte foto: © georgeion88 - Fotolia

Grandine e freddo dardeggiano il territorio della provincia di Avellino da giorni, mettendo in ginocchio il verdeggiante territorio irpino, con danni per milioni di euro, secondo una nota di Cia Campania: "Ciliegie, vigneti, castagne, nocciole, cereali, foraggi e anche tabacco" – le colture colpite. E il presidente dell’organizzazione, Alessandro Mastrocinque, chiede a Regione Campania di attivare le procedure per richiedere al Governo la declaratoria di stato di calamità per le zone colpite.
“Le bizze climatiche delle ultime settimane e la grandine dei giorni scorsi sarà pagata a caro prezzo dal comparto agricolo campano. Da quanto emerge dal monitoraggio della Cia, solo nella provincia di Avellino la produzione di ciliegie registrerà un calo di produzione di oltre il 60 per cento" segnala la nota dell’organizzazione agricola.

Secondo i tecnici di Cia “In queste condizioni è infatti difficile anche solo trapiantare le piante da orto. Non solo, temperature basse, umidità e grandine hanno fortemente indebolito anche i vigneti più esposti a eccessi di funghi dannosi per il ciclo produttivo”. Ma le affezioni fungine riguardano anche il comparto castanicolo, di cui la Campania grazie alla provincia di Avellino è leader di settore  e anche in questo caso Cia Campania prevede “un altro anno di scarso raccolto”. Stesso discorso per l’olivicoltura, che già negli scorsi anni ha fatto registrare nella in Irpinia un calo del 60-70%. Anche i cereali e i foraggi avrebbero bisogno di sole per recuperare parte del raccolto. Al momento si stima una perdita di circa il 30 per cento.

“Ci sono danni per milioni di euro – afferm Mastrocinque – Chiediamo alla regione Campania di attivare tutti gli strumenti necessari per far fronte alla situazione che si è creata, altrimenti intere aziende con le loro famiglie saranno al collasso economico. Ci sono tutti gli estremi per riconoscere lo stato di calamità”. Lo scenario è reso ancora più complesso anche dalla difficoltà che, per il clima, sta attraversando il comparto del tabacco“Se continuerà così – aggiunge Mastrocinque – non sarà possibile piantare il tabacco perdendo un intero anno di produzione”. 

Cia Campania invita le istituzioni regionali e nazionali a riflettere anche sulla necessità della creazione di un piano di prevenzione, elaborato in partnership con università e centri di ricerca: perché i cambiamenti climatici non sono più un’eccezione, certe ciclicità si sono trasformate e occorre attrezzarsi per non subirle.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Cia Campania

Autore:

Tag: castanicoltura viticoltura organizzazioni agricole danni frutteto

Temi caldi: Maltempo al Sud

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 209.532 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner