La Basilicata ottiene l'impegno di Agea

A seguito di un incontro a Roma tra i vertici del dipartimento Agricoltura e dell'ente per le erogazioni, sono stati sbloccati i pagamenti su Psr e domanda unica. Avviato anche un protocollo di consultazione

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

Questo articolo è stato pubblicato oltre 2 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

banconote-soldi-euro-by-wolfilser-fotolia-750.jpeg

In arrivo a fine luglio i pagamenti per 2300 domande sul biologico (misura 11 Psr)
Fonte foto: © Wolfilser - Fotolia

Per gli agricoltori lucani in arrivo buone notizie dall'Agea. Entro luglio arriveranno i pagamenti relativi al biologico, sul Psr e il completamento delle istruttorie per le domande relative alla indennità compensativa.
L'allineamento di tutti i pagamenti delle misure a superficie 2016 è previsto per fine 2017, mentre sarà possibile utilizzare la polizza fideiussoria per consentire la richiesta di acconto ai giovani agricoltori primi insediati.
Vi è anche un accordo per migliorare le relazioni operative fra Agea e Regione Basilicata.
 
E' questa la sintesi dei risultati raggiunti dall'assessore alle Politiche agricole e forestali della Basilicata Luca Braia al termine dell'incontro, definito "molto positivo", tenutosi nella giornata di ieri, 27 giugno 2017, nella sede romana dell'Agea con il direttore Gabriele Papa Pagliardini e il dirigente Federico Steidl, responsabile pagamento sviluppo rurale.
 
"Oltre quattro ore di lavoro intense - afferma l'assessore Braia - durante le quali sono stati affrontati tutti i temi, insieme all'autorità di gestione del Psr Basilicata 2014-2020, Rocco Vittorio Restaino, al dirigente di Ueca Ermanno Pennacchio, alle assistenze tecniche del Feasr ed ai rappresentanti delle associazioni di categoria Coldiretti, Cia, Copagri, Confagricoltura, che hanno condiviso insieme a noi un passaggio fondamentale per trasmettere questo risultato al territorio. Rientriamo con diverse buone notizie per gli agricoltori della nostra regione".
 

Psr 2014-2020 e domanda unica

Per le 2300 domande relative al biologico - misura 11 del Psr - il pagamento a saldo è previsto entro la fine del mese di luglio. Per 8118 domande di aiuto relative alla indennità compensativa - misura 13 Psr - che ad oggi sono state pagate in misura del 60% circa, nei prossimi giorni si avvierà l'istruttoria delle rimanenti domande per attivare i relativi pagamenti in caso di esito positivo.
 
Inoltre è previsto, dalla campagna 2018, che tutte le misure a superficie siano pagate entro il 30 giugno dell'anno successivo "e questa, possiamo dire, sarà la vera rivoluzione per il comparto" ha commentato Braia.
 
Nei prossimi giorni sarà ultimata la predisposizione del sistema informatico che consentirà, finalmente, di stipulare la polizza fideiussoria per il primo insediamento dei giovani agricoltori, la misura 6.1 del Psr.
 
In arrivo poi delle procedure di controllo semplificate per le 53 domande relative alla misura 10, agricoltore custode e si comincerà proprio dalla Basilicata per implementare le procedure.
 
Concordata, inoltre, una procedura per la soluzione delle anomalie della domanda unica 2017 legate al pascolamento dei boschi, secondo le pratiche locali tradizionali.
 
"Raggiunta l'intesa - conclude Braia - per avere due riferimenti in Agea in disponibilità esclusiva per la Basilicata al fine di facilitare l'accesso e l'utilizzo delle nuove modalità informatiche per la gestione dei bandi".

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 203.635 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner