Alternanza scuola-lavoro: firmato accordo tra Fem e agrotecnici

Una nuova intesa per l'assolvimento del tirocinio necessario per l'iscrizione all'albo professionale

Questo articolo è stato pubblicato oltre 2 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

marco-dal-ri-lorenzo-gallo-firma-accordo-edmund-mach-collegio-nazionale-agrotecnici-alternanza-scuola-lavoro-fonte-collegio-nazionale-agrotecnici.png

A sinistra Marco Dal Rì e a destra Lorenzo Gallo.
Fonte foto: Collegio nazionale degli agrotecnici e degli agrotecnici laureati

L’accordo tra la Fondazione Edmund Mach e il Collegio nazionale degli agrotecnici e degli agrotecnici laureati per il riconoscimento dell’alternanza scuola-lavoro ai fini dell’assolvimento del tirocinio necessario per l’iscrizione all’albo professionale, è stato approvato nella giornata del 10 aprile al Vinitaly 2017. A firmarlo sono stati il dirigente del Centro istruzione e formazione, Marco Dal Rì, e il presidente del Collegio nazionale, Lorenzo Gallo

L'accordo riconosce come idoneo tirocinio professionale valido anche per l'iscrizione nell'albo, i seguenti percorsi:
  • il percorso professionalizzante ad indirizzo “Viticoltura ed enologia” (5 anni); 
  • il percorso professionalizzante ad indirizzo “Gestione dell’ambiente e del territorio” (5 anni);
  • il percorso professionalizzante ad indirizzo “Produzione e trasformazione” (5 anni); 
  • il percorso professionalizzante ad indirizzo “Allevamento, coltivazioni, gestione del verde” (5 anni);
  • il percorso professionalizzante ad indirizzo “Trasformazione agroalimentare” (5 anni). 
Per i diplomi di maturità agraria “Agraria, agroalimentare e agroindustria”, per i quali siano stati svolti positivamente i percorsi quinquennali di “Viticoltura ed enologia”, “Gestione dell’ambiente e del territorio” e “Produzione e trasformazione” è riconosciuto un periodo superiore ai 18 mesi di praticantato. Per i diplomi di maturità agraria “Servizi per l’agricoltura e lo sviluppo rurale”, per i quali siano stati svolti positivamente i percorsi quinquennali di “Allevamento, coltivazioni, gestione del verde” e “Trasformazione agroalimentare” è riconosciuto un periodo superiore ai 18 mesi di praticantato. 

Il conseguimento di una delle qualifiche sopra indicate è riconosciuto come idoneamente sostitutivo di 18 mesi di tirocinio professionale tradizionale, garantendo così ai giovani diplomati la possibilità di accedere direttamente agli esami di Stato abilitanti alla professione di agrotecnico e agrotecnico laureato, mentre le certificazioni relative al positivo assolvimento del percorso professionalizzante saranno rilasciate dalla Fondazione Edmund Mach, ovvero dal soggetto da questa individuato.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 221.537 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner