Al via l'undicesima Festa dell'agricoltura di Garlenda

La manifestazione organizzata da Cia Savona e Cia Liguria è in programma dal 4 al 7 agosto. Domani alle 18.00 il convegno "Agricoltura protagonista dello sviluppo della Liguria: scelte e strumenti"

Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

festa-agricoltura-fonte-cia-savona-edizione-2015.jpg

Garlenda (Sv), 4-7 agosto 2016

Domani, giovedì 4 agosto, nel Parco Villafranca di Garlenda (Sv) prende il via l'11°edizione della Festa dell'agricoltura, la manifestazione per la valorizzazione e promozione del settore agroalimentare promossa da Cia Liguria e Cia Savona, che terminerà domenica 7 agosto.
Questo evento – dichiara Aldo Alberto, presidente Cia Liguria - rappresenta un'ottima occasione per fare il punto sulla nostra realtà, sugli obiettivi raggiunti e su quelli ancora da conquistare per valorizzare le potenzialità del comparto agricolo, anche nella nostra regione”.

Con questo spirito, Cia Liguria ha organizzato l’evento di apertura della kermesse, la tavola rotonda "Agricoltura protagonista dello sviluppo della Liguria: scelte e strumenti" in programma domani giovedì 4 agosto alle 18.00. Dopo il saluto inaugurale del presidente provinciale di Cia Savona, Mirco Mastroianni, e del sindaco di Garlenda Silvia Pittoli, interverranno Aldo Alberto, presidente Cia Liguria, Stefano Mai, assessore all'Agricoltura della Regione Liguria, Enrico Lupi, vicepresidente vicario di Cciaa delle Riviere, Alessandro Mastrocinque, vicepresidente nazionale di Cia. Come la politica considera l’agricoltura, il Piano di sviluppo rurale, quale si pensa debba essere l’agricoltura del prossimo decennio. Saranno questi i temi oggetto dell’approfondimento, che evidenziano il peso dell’agricoltura nelle scelte di politica economica di questa Regione e la possibilità che divenga fattore di sviluppo.

Scelte di politica aziendale e nuove possibilità di sviluppo economico sono al centro degli incontri dedicati ad alcuni nuovi prodotti vinicoli promossi dal presidente di Cia Savona Mirco Mastroianni.

Attraverso un evento ad hoc diverso per ogni serata spiega Mastroianni -, proporremo la presentazione e la degustazione dei prodotti ottenuti dai vignaioli locali che si sono cimentati con la spumantizzazione di vini tradizionali, ottenendo risultati di grandissimo prestigio”.

Si comincia giovedì 4 con la presentazione del “Brut Ormeasco” della Tenuta Maffone di Acquetico (Pieve di Teco), in provincia di Imperia. Il protagonista di venerdì 5, invece, sarà il “Brut Vermentino” dell'azienda Calvini Luigi di Sanremo (Im), mentre sabato 6 sarà la volta del “Brut Pigato” della Vecchia Cantina di Salea d'Albenga (Sv). A chiudere la carrellata dedicata alla valorizzazione e promozione di nuovi prodotti dei vignaioli locali sarà la presentazione della “Lumassina Frizzante Igt” nata dalla collaborazione tra la Cantina Sancio di Spotorno (Sv) e la Cascina Praiè di Andora (Sv).

Le novità di questa edizione della Festa riguardano anche il menù. Accanto alle ricette tipiche del savonese e alle specialità legate ai "quattro di Albenga", vale a dire l’asparago violetto, il carciofo spinoso, il pomodoro cuore di bue e la zucca trombetta, ogni sera il menù proporrà un piatto diverso della tradizione gastronomica ligure, uno per provincia, preparato da un agriturismo Cia di quel territorio.
Ad aprire le danze a tavola, giovedì 4 agosto, sarà il minestrone alla genovese con pesto e “scucuzzu” dell’agriturismo “A Cabanetta de Cianderlin”. Seguiranno venerdì 5 agosto i croxetti di Vaise con battuto di pinoli proposti dalla Cia della Spezia, mentre sabato 6 agosto, per l'imperiese, saranno protagonisti i ravioli “cu u pezzigu” di erbe e ricotta con burro d’alpeggio e salvia dell’agriturismo “Il rifugio”. Si terminerà domenica 7 agosto con le lumache alla Verezzina cucinate dall’agriturismo “Ca du Gregorio”, situato in provincia di Savona. Inoltre ogni sera, nella lista dei dolci, sarà possibile scegliere la torta “Ormeasca” con confettura di albicocche e pinoli preparata dall’agriturismo “Il glicine”.

Con le sue undici edizioni, i trenta espositori e i cento volontari al lavoro per diversi giorni, la Festa dell’agricoltura di Garlenda è per Cia un momento di forte promozione del settore e di valorizzazione delle peculiarità del territorio.

Come sempre, nell’area della Festa, sarà possibile acquistare i prodotti locali all’interno del Mercatino dell’orto ligure allestito dall’associazione di aziende Cia “La Spesa in Campagna” che promuove la filiera corta. Accanto ai diversi banchetti dei produttori, ci saranno anche sportelli divulgativi sulle opportunità per le aziende agricole e lo stand del patronato Inac di Cia che fornirà informazioni in tema di previdenza e pensioni. Tutte le serate saranno accompagnate dalla musica dei diversi complessi che si esibiranno sul palco: giovedì 4 agosto “Onda sonora band”, venerdì 5 “Sole luna”, sabato 6 “Carmen” e domenica 7 agosto “Mimmo Mirabelli”.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 203.193 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner