Mipaaf, ok ai fondi di mutualizzazione

Via libera al decreto relativo ai fondi come strumenti per la gestione dei rischi da crisi di reddito, cambiamenti climatici e fitopatie

Lorenzo Pelliconi di Lorenzo Pelliconi

Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

firma-contratto-contratti-documento-gina-sanders-fotolia-750x500.jpeg

I fondi di mutualizzazione rientrano nell'ambito del Programma di sviluppo rurale
Fonte foto: © Gina Sanders - Fotolia

La Conferenza Stato-Regioni ha approvato il decreto del Mipaaf per il riconoscimento, la costituzione e la gestione dei fondi di mutualizzazione in agricoltura che potranno beneficiare dei sostegni previsti nell’ambito del Psr 2014-2020.

Il via libera rappresenta un importante passo in avanti per l’attivazione delle sottomisure relative ai due nuovi strumenti di gestione del rischio. I fondi possono essere infatti utilizzati per coprire perdite economiche causate da avversità atmosferiche, insorgenza di focolai, fitopatie, emergenze ambientali e da un drastico calo del reddito.

Il decreto del ministero appena approvato identifica i soggetti che possono costituire e gestire i fondi di mutualizzazione, definisce i requisiti minimi per il riconoscimento dell’autorità competente e stabilisce le regole per l’adesione degli agricoltori, il riconoscimento delle compensazioni finanziarie e la gestione del patrimonio dei fondi.

Per tutelare davvero il reddito delle nostre imprese agricole – sottolinea il ministro Martina dobbiamo puntare con decisione sugli strumenti assicurativi e di mutualizzazione. Vogliamo che le nostre aziende dispongano di un set di strumenti integrati per garantire una migliore sostenibilità dei processi di crescita, oltre a essere tutelati meglio dai fenomeni atmosferici spesso legati ai cambiamenti climatici. Per questo motivo interveniamo con 1,6 miliardi di euro con fondi nazionali ed europei. Siamo il Paese in Europa a investire con maggiore convizione su questa frontiera, perché sappiamo che i vecchi strumenti non funzionano. Pensare di agire con il Fondo di solidarietà nazionale non basta più”.

Il Mipaaf ha reso poi noto che è stato ultimato il processo di semplificazione del Piano assicurativo individuale. L’aggiornamento del fascicolo e del piano di coltivazione, indispensabile per la compilazione del Piano assicurativo, sarà utilizzabile anche per gli altri adempimenti come le domande per gli aiuti Pac e per le misure dei Psr. All’agricoltore basterà indicare soltanto le rese produttive mentre le scelte saranno acquisite successivamente con l’informatizzazione dei dati della polizza.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 191.665 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner