Terra dei fuochi, Foglia: “Evitare generalizzazioni e intervenire presto"

Il presidente della Commissione agricoltura del Consiglio regionale della Campania ha inoltre sottolineato la necessità di tutelare la salute e anche il sistema agroalimentare

Questo articolo è stato pubblicato oltre 6 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

Dobbiamo innanzitutto distinguere l’inquinamento per lo sversamento di rifiuti tossici nel sottosuolo da quello che è il grave fenomeno della cosiddetta terra dei fuochi, da cui si sprigiona diossina che inevitabilmente interessa i terreni e quindi l’agricoltura”. Così il presidente della Commissione agricoltura del Consiglio regionale della Campania, Pietro Foglia, nel corso dell’audizione che si è svolta alla Commissione agricoltura.

Per quanto riguarda i dati relativi ai suoli inquinati, stiamo parlando del 5% della superficie territoriale della Campania, l’1% della superficie agricola - ha spiegato Foglia -. Questa generalizzazione produce, a causa degli allarmi anche giustificati che suscita, danni all’economia agricola campana che è l’unico settore che oggi segna punti favorevoli in questa crisi generalizzata che coinvolge tutti i settori”.

Per Foglia è necessario che tutti facciano la loro parte e presto. “Il compito della Regione – ha concluso il presidente della ottava Commissione -, anche con la giusta sollecitazione della Commissione agricoltura, è quello di individuare i suoli inquinati, delimitarli, vietare in questi siti la produzione agricola e certificare le produzioni che osservano livelli di qualità”.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.679 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner