L'università di Kyoto e di Bologna tengono a battesimo Casa Emilia-Romagna

Cultura, innovazione ed esperienza del cibo emiliano-romagnolo

Questo articolo è stato pubblicato oltre 6 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

casa-emilia-romagna.jpg

La sede dell'Accademia dei Notturni a Bagnarola di Budrio

Grande successo all'opening di Casa Emilia-Romagna all'Accademia dei Notturni a Bagnarola di Budrio.
Giulio Pierini, sindaco di Budrio, nei saluti iniziali, ha appoggiato il progetto di Giovanni Tamburini definendolo “formativo, educativo e anche pedagogico”. Un progetto che valorizza il recupero di un territorio ricco di una cultura materiale che va dai prodotti gastronomici di eccellenza fino all'arte.
L'evento ha avuto come corollario da una parte il Consorzio Mortadella Bologna e dall'altra l'incontro tra il professor Andrea Segré, direttore del Dipartimento di Scienze e tecnologie agro-alimentari dell'Alma Mater Studiorum di Bologna e Naoko Oishi, docente presso la Doishia University di Kyoto, riguardo al progetto dell'organizzazione di un podere eco-sostenibile e autonomo.

Costruito sui precedenti risultati della ricerca iniziata nel 2003, nell'attuale fase il Ryukoku University Research Center for the Local Public Human Resources ha studiato le questioni istituzionali e delle risorse umane per spostare le moderne comunità locali giapponesi verso le nuove aree spopolate atte a diventare le zone per un futuro sostenibile e maturo” spiega Naoko Oishi.
Il progetto prevede, infatti, l'insegnamento, attraverso un master teorico e pratico, a studenti in grado di trasformare zone meno abitate del Giappone in realtà che potranno garantire in autonomia uno sviluppo territoriale e di prodotti gastronomici e vegetali di base per la produzione di tessuti.
Segrè si è detto interessato in quanto la sua ricerca si sta sempre più focalizzando su modalità di innovazione tecnologiche nel nome della sostenibilità per rendere più pulita la nostra agricoltura. È nata, quindi, una nuova collaborazione tra due università che ha fatto da cornice al concept space Casa Emilia-Romagna.

Andrea Segré durante l'incontro con Naoko Oishi

Uno spazio concettualmente differente da tutti gli altri che si pone come anello terminale della filiera inaugurata dalle ricerche innovative dell'università sulla sostenibilità, col compito di presentare prodotti Dop, Igp e di qualità ad un vasto pubblico.
Casa Emilia-Romagna vuole proporre i prodotti della terra emiliano-romagnola condite di storia e di storie di uomini, cultura materiale e cultura accademica. La casa sarà anche la casa dei prodotti e dei piatti tipici - spiega Giovanni Tamburini - Casa Emilia-Romagna sarà il palcoscenico tematico dei prodotti certificati e tradizionali e il suo staff di cucina sarà in grado di preparare le ricette della tradizione e proposte innovative ma esclusivamente con prodotti di territorio. Tutti i prodotti faranno parte di un percorso didattico unito alla possibilità di acquisto”.

Come modello di autenticità emiliano-romagnola è stato presentato al pubblico l'evento MortadellaBò, promosso dal Consorzio Mortadella Bologna, prodotta rispettando tutti i criteri che oggi vengono attribuiti al paradigma della sostenibilità. Il presidente Corradino Marconi ha anticipato ai giornalisti e agli ospiti la grande manifestazione di ottobre definendola “un concreto progetto di marketing territoriale, nonché una straordinaria occasione di promozione e visibilità della Mortadella Bologna Igp”.

A termine dei lavori, coerenti con l'idea che per difendere l'autenticità dell'arte cucinaria occorra una comunicazione sensibile col proprio pubblico, l'evento è terminato con una raffinata degustazione che ha trasformato i concetti divulgati durante l'incontro in esperienza concreta del cibo.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.932 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner