Sicurezza sul lavoro, troppi oneri per le aziende agricole

Lo dice la Cia in una lettera inviata ai ministri Fornero e Cancellieri e al presidente della Conferenza Stato-Regioni, Vasco Errani. Serve semplificazione e sburocratizzazione

Michela Lugli di Michela Lugli

Questo articolo è stato pubblicato oltre 7 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

file0001929960340.JPG

Troppa burocrazia per le norme sul lavoro
Fonte foto: Morguefile.com

Serve un'introduzione molto più graduale e semplificata dei tanti e complessi obblighi introdotti dalle recenti disposizioni di legge in materia di sicurezza del lavoro che – spiega Giuseppe Politi presidente Cia in una lettera inviata ai ministri del Lavoro Passera e degli Interni Cancellieri e al presidente della Conferenza Stato-Regioni, Vasco Errani - creano un deciso e generale appesantimento degli adempimenti obbligatori a carico delle aziende agricole con particolare riferimento a quelle di medie e piccole dimensioni.

Nel testo Cia sottolinea l'attenzione dell'associazione alle tematiche della sicurezza sul lavoro, ma, di contro ritiene eccessive alcune delle norme di recente introduzione.

 

Norme mattone

Politi a nome della Confederazione, sottolinea “l’imposizione con il Dpr 151/11 dei requisiti antincendio anche ai depositi di carburante agricolo di piccole dimensioni; l’introduzione di una specifica abilitazione all’uso di alcune macchine agricole definito nell'accordo Stato-Regioni del 22 febbraio 2012 e il sostanziale raddoppio delle ore di formazione obbligatorie per l’imprenditore responsabile della sicurezza per la propria azienda definito nell'accordo Stato-Regioni del 21 dicembre 2012.

A ciò si aggiunge la mancata attuazione delle semplificazioni previste dall’articolo 3 comma 13 del Dlgs 81/2008 - prosegue il testo - e, infine, l’introduzione dell’obbligo di presentazione del Documento di valutazione dei rischi - per molto tempo autodichiarato -, anche per le aziende con meno di dieci unità lavorative annue che seppur prorogato dal 30 giugno prossimo al 31 dicembre 2012, non appare - afferma Politi - in grado di garantire una adeguata risposta alle esigenze del mondo agricolo”.

 

La richiesta

La richiesta della Confederazione è quella, a fronte delle aumentate richieste al settore agricolo rispetto ai temi della sicurezza, di una attenuazione del quadro di obblighi per perseguire modelli fortemente semplificati per le aziende agricole medie e piccole accompagnata da una riduzione degli oneri burocratici e procedurali altrimenti di difficile gestione.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: leggi e decreti sicurezza sul lavoro lavoro agricolo

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 201.616 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner