Agroinnova: parte dall'Italia la sfida europea per la biosicurezza

Il Centro di competenza per l'Innovazione in campo agro-ambientale dell'Università di Torino coordinerà 13 partner internazionali in un progetto finanziato dalla Comunità europea che sarà presentato a fine di febbraio

Questo articolo è stato pubblicato oltre 9 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

agroinnova.jpg

Sarà Agroinnova, il Centro di Competenza per l’Innovazione in campo agro-ambientale ed agro-alimentare dell’Università di Torino, a coordinare tredici partner internazionali in un progetto di ricerca finanziato dall’Unione europea nell’ambito del VII° Programma Quadro volto alla costituzione di un Centro virtuale di eccellenza sul tema della biosicurezza in campo agro-alimentare.

Al progetto, che sarà presentato ufficialmente a Torino il prossimo 24 febbraio, partecipano 8 Paesi: Italia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Ungheria, Israele, Turchia, Stati Uniti d’America. 

Il progetto prenderà in considerazione il rischio posto dalla possibile introduzione, a fini terroristici, di parassiti vegetali e animali delle colture e di patogeni dell’uomo, per contaminare  coltivazioni e derrate.

Particolare attenzione verrà prestata alla formazione di personale altamente qualificato nonché all’approfondimento di aspetti legati a tematiche nuove, quali la fitopatologia forense e la cosiddetta “dual use research”, cioè quel tipo di ricerca i cui risultati, ottenuti per pure finalità scientifiche, possono essere utilizzati per scopi anche illeciti.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 238.898 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner