La riforma della Pac: focus su mercati e sviluppo sostenibile

Un convegno ha fatto il punto sullo 'stato di salute' e le prospettive future della politica agricola comunitaria

Questo articolo è stato pubblicato oltre 9 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

Agricoltura 5_400.jpg

Il convegno ha fatto il punto sullo 'stato di salute'
della politica agricola comunitaria

La presentazione delle opportunità offerte al mondo agricolo dalla politica agricola comune dell'Unione europea (Pac). Questo in estrema sintesi l'argomento trattato ieri 19 gennaio 2010 dal convegno "La riforma della Pac: innovazione ed evoluzione verso un'agricoltura sostenibile ed orientata verso il mercato", organizzato dalla Camera di Commercio di Firenze, attraverso la collaborazione della sua azienda per l'internazionalizzazione e il supporto alle piccole e medie imprese sulle politiche dell'Unione europea, Promofirenze.

L'evento rientra nel contesto del progetto europeo "Cap Reforms: Innovation And Growth Towards A Sustainable And Market Oriented Agriculture" co-finanziato dalla Commissione europea, Direzione generale Agricoltura.

L'iniziativa ha voluto rappresentare l'occasione per valutare "lo stato di salute" della politica agricola comunitaria, facendo il punto sull'esperienza di semplificazione e razionalizzazione della stessa che si sta operando anche nelle regioni italiane.
Dai lavori è scaturito come la politica agricola dell'Unione europea sarà più attenta ai temi dello sviluppo sostenibile e orientata maggiormente ai mercati.

Le nuove sfide infatti, riguarderanno i temi del cambiamento climatico, le energie rinnovabili, la gestione delle risorse idriche, la protezione delle biodiversità, la ristrutturazione del settore lattiero-caseario e la diffusione della connessione internet a banda larga nelle aree rurali.

Per il perseguimento di queste azioni la Toscana, attraverso il proprio piano di sviluppo rurale vedrà impiegare sul territorio circa 900 milioni di euro per il periodo 2007-2013.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 196.851 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner