Apicoltura, il questionario sulla perdita di alveari 2019-2020

L'Izs delle Venezie propone anche quest'anno la raccolta dati organizzata dall'associazione scientifica Coloss per cercare di fare un quadro il più possibile reale delle cause di mortalità delle colonie di api da miele

Matteo Giusti di Matteo Giusti

coloss-questionario-alveari-by-modificato-izsve-coloss-org-jpg.jpg

Api, disponibile il questionario online sulla perdita degli alveari
Fonte foto: Izs Venezie

Ritorna anche quest'anno il consueto questionario proposto dall'associazione scientifica internazionale Coloss per raccogliere informazioni sulla perdite di colonie di api, che per l'Italia è gestito dal Centro di referenza nazionale per l'apicoltura dell'Izs delle Venezie.

Un questionario rivolto agli apicoltori europei e non solo, standardizzato e uguale per tutti, in modo da poter comparare a livello internazionale i dati raccolti e quindi comprendere meglio i fattori implicati nella perdita di colonie.

Quest'anno però sarà possibile compilare il questionario direttamente online, rispondendo alle domande obbligatorie, contrassegnate da un asterisco rosso, e possibilmente anche a quelle facoltative.

Per rischiare di non sbagliare e salvare correttamente tutto prima dell'invio, l'Izs delle Venezie ha preparato una piccola e pratica guida con le istruzioni. Poi per qualsiasi chiarimento ha messo a disposizione anche il numero di telefono 049 8084132.

Compilare correttamente e 'sinceramente' questo questionario è importante per avere più dati possibili sulle cause e fattori di rischio che minacciano gli alveari, che come sappiamo sono molti e molteplici.

Una cosa importante, che non costa niente e porta via anche poco tempo.

Leggi le istruzionicompila il questionario
 

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Izs delle Venezie

Autore:

Tag: ricerca api apicoltura salute animale

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 232.478 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner