Vacche a terra, Sivar e Anmvi: dura lex, sed lex

Una lettera alle Associazioni di allevatori sulla salvaguardia degli animali durante il trasporto

Questo articolo è stato pubblicato oltre 11 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

foto mucche.jpg
La Sivar (Società italiana veterinari per animali da reddito) ha scritto alle Associazioni degli allevatori una lettera co-firmata con l’Anmvi (Associazione nazionale medici veterinari italiani) per esporre la posizione e le osservazioni dei medici veterinari in merito alla vigente legislazione sulla protezione degli animali durante il trasporto e relativa disciplina sanzionatoria . 'Le nuove disposizioni comunitarie, recepite dal nostro Paese - scrivono le associazioni - non hanno mancato di suscitare un vivo dibattito fra gli operatori di settore, diversamente interessati da complessi adempimenti che, in alcuni casi, sono stati a nostro avviso motivatamente criticati. Tuttavia, pur non essendo affatto risolti alcuni problemi connessi al benessere degli animali destinati al trasporto e malgrado le difficoltà che persistono in capo ai medici veterinari, la normativa dispone l'inequivocabile divieto di trasporto per questi animali', dato il disposto, contenuto nel Regolamento CE 1/2005, in base quale non può essere trasportato nessun animale che non sia in grado di spostarsi autonomamente senza sofferenza o di deambulare senza aiuto.
Pertanto, Anmvi e Sivar ritengono che in questi casi non si possa redigere il certificato di trasportabilità e che vada respinta, in quanto illecita, ogni eventuale richiesta al medico veterinario (ufficiale o libero professionista) affinché attesti che l'animale è in grado di deambulare in autonomia e quindi può essere trasportato. 'Quanto esposto- concludono Anmvi e Sivar - non esime chi scrive dal continuare a proporre correttivi alle autorità competenti, in direzione, ad esempio, di una semplificazione della pratica di eutanasia da concordare con l’allevatore per i casi più gravi, stante l’evidente inattuabilità della macellazione di necessità sul posto. Si ritiene infine che non vadano nemmeno ignorate situazioni in cui gli animali a terra potrebbero essere trasportabili sulla base di evidenze, pratiche e cliniche, per le quali sarebbe opportuno valutare un perfezionamento delle norme laddove, risentendo di un eccessivo idealismo, rischiano di fallire sul piano della concretezza'.

Fonte: @nmvi Oggi

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 196.900 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner