Arriva l'anticiclone africano. Atteso caldo intenso

Un flusso rovente in risalita dall'Africa garantirà un weekend rovente, ma incombono i temporali già da lunedì

Andrea Tura di Andrea Tura

anticiclone-africano-sulla-penisola-italiana-giugno-2021.jpg

Lingua di fuoco sulla penisola: massime oltre i 40 °C
Fonte foto: WXCHARTS

La prima vera ondata di calore della stagione estiva è alle porte, anche le ultime proiezioni meteo confermano tale previsione. Nel corso del fine settimana avremo pertanto una forte ondata di calore innescata da un importante flusso in risalita dal continente africano, che investirà anche gran parte del territorio italiano.
 

Analisi

Una vasta area anticiclonica va a strutturarsi nel cuore del Mediterraneo e raggiungerà anche i settori centrali europei, portando un quadro meteorologico stabile con un ampio soleggiamento. L'Italia, trovandosi sotto l'asse dell'anticiclone, verrà direttamente investita e per questo potrà godere di una sostanziale stabilità, con al più blande infiltrazioni fresche in quota che riusciranno a generare qualche fenomeno ad evoluzione diurna localmente sulle aree alpine e lungo la dorsale appenninica.
Come accennato, sopraggiungerà un flusso d'aria piuttosto caldo dai settori nordafricani che provocherà un rapido e sensibile aumento soprattutto nei valori massimi, una escalation che culminerà proprio sul finire della settimana.
Nelle prime fasi avremo però un caldo più torrido per via dei valori di umidità relativa ancora contenuti, ma con il passare dei giorni è atteso un graduale incremento del vapore acqueo in atmosfera che renderà l'afa a tratti opprimente, soprattutto nei bassi strati sulle pianure e lungo le linee di costa.
 

Pochi temporali al momento, ma non tarderanno

Una limitata attività convettiva continuerà ad interessare i settori alpini e prealpini durante le ore più calde, un segnale che evidenzia una copertura anticiclonica poco convincente e che presto perderà qualche colpo. L'alta pressione verrà difatti minacciata ad iniziare dai primi giorni della nuova settimana da un vortice ciclonico in affondo sull'Europa occidentale e le correnti umide ed instabili sospinte da questa struttura metteranno in crisi la prima vera ondata di calore dell'estate.
Prima del break la penisola italiana assisterà ad un ulteriore incremento dei valori termici perché verrà investita da correnti prefrontali molto calde richiamate dall'entroterra sahariano, un flusso che colpirà soprattutto il Centro-Sud, ove le condizioni meteo si presenteranno assolutamente stabili ed il caldo potrebbe intensificarsi ulteriormente. La parentesi rovente si concluderà con l'arrivo del fronte instabile sospinto dal vortice in approfondimento in area iberica innescherà temporali intensi ad iniziare dal Nord-Ovest con fenomeni localmente violenti.
 

Fine settimana rovente

Valori termici in graduale e costante aumento in questa seconda parte della settimana con il caldo che gradualmente investirà - in modo pesante - le regioni centro meridionali e le due isole maggiori.
I picchi più elevati si registreranno tra Puglia e Sardegna, mentre le aree settentrionali verranno interessate solo marginalmente dal flusso sahariano, anche se su queste ultime il rovescio della medaglia prevede invece un'afa molto intensa. L'apice del caldo è previsto per la giornata di sabato al Nord, mentre al Sud dovremo invece attendere la giornata di domenica o, addirittura, le prime ore della nuova settimana.
 

Uno sguardo alle massime

Non sarà difficile toccare e oltrepassare la soglia dei 40 gradi tra Sardegna e Puglia, anche se tuttavia l'umidità molto contenuta accompagnata da una sostenuta ventilazione di scirocco renderà il caldo più sopportabile.
Sulle restanti aree italiane, affette da una maggiore umidità, l'incremento termico risulterà più contenuto con massime che si attesteranno su gran parte delle città italiane entro i 35 °C. In Val Padana l'umidità potrà però costituire un problema, specialmente nei bassi strati ove aumenterà notevolmente rendendo il caldo afoso e opprimente.
 

Tendenza meteo

Dalla giornata di lunedì, come annunciato, si avrà un po' di refrigerio grazie alle condizioni meteo a tratti instabili accompagnate da un flusso d'aria più fresca al seguito, che dai settori alpini occidentali raggiungeranno la Val Padana ove si accenderanno temporali di forte intensità, accompagnati da grandinate con chicchi di grosse dimensioni, forti colpi di vento e tempeste elettriche. Il fronte instabile raggiungerà gradualmente tutto il territorio nazionale ed il calo termico verrà avvertito in parte anche al Meridione, ove il caldo verrà smorzato, ma continuerà sui classici ranghi stagionali. La parentesi che animerà i primi giorni della nuova settimana sarà però breve, perché l'anticiclone africano ritornerà alla ribalta attaccando nuovamente l'Italia subito da mercoledì.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie Meteo

Autore:

Tag: meteo previsioni e tendenza meteo settimanale

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 264.025 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner