InnoViv 2010: il punto sulla certificazione vivaistica in Toscana

Pescia (Pt), 27 ottobre 2010 ore 9:00. Il seminario è organizzato da Arsia, Cra-Viv e Coripro

Questo articolo è stato pubblicato oltre 9 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

innoviv2010.jpg

InnoViv 2010
Pescia (Pt), 27 ottobre 2010

 Le certificazioni in ambito vivaistico hanno subito un nuovo impulso negli ultimi anni in seguito all'emanazione di nuove leggi e normative tecniche.

Gli operatori del settore si sono trovati così ad affrontare sistemi di produzione che richiedono un diverso approccio e impongono diversi sistemi di controllo. Questi nuovi sistemi qualitativi offrono diversi vantaggi ai produttori agricoli, a patto di conoscerne realtà e prospettive.

In quest'ottica l'Arsia ha organizzato 'InnoViv 2010 - La certificazione vivaistica del materiale vegetale autoctono della Toscana: una innovazione per produttori e utilizzatori' che si svolgerà a Pescia (Pt), presso la sala convegni 'Moreno Bambi' il 27 ottobre 2010.

Il seminario si rivolge agli imprenditori agricoli, ai tecnici ed agli operatori dei vivai ornamentali ed olivicoli, per fornire loro informazioni su tecniche e metodologie di produzione del materiale vegetale autoctono ai fini della certificazione e fare il punto della situazione in merito ai sistemi di certificazione del materiale vivaistico attualmente in atto.

La presenza di tutti gli operatori della filiera sia ornamentale che frutticola ed olivicola potrà inoltre costituire un momento di scambio di opinioni riguardo il futuro del viviamo toscano nel contesto nazionale ed europeo.

Nel pomeriggio sono previste visite al Cra-Viv e ai vivai del Coripro (Consorzio di certificazione volontaria delle piante di olivo).

La giornata si inserisce tra le iniziative previste per l'anno 2010 nel programma di lavoro della Rete dei poli toscani per il collaudo e il trasferimento dell'innovazione promossa dall'Arsia.

Per scaricare la brochure dell'evento (in pdf) clicca qui.

 

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 221.735 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner