ANCORA REVOCHE: QUESTA VOLTA TOCCA ALL’ITALIA ELIMINARE L’ACEFATE

Registrazione europea prodotti fitosanitari
Un altro celebre insetticida che termina la sua carriera europea.
Sulla GUCE L82 del 29 marzo 2003 è stata notificata la decisione 2003/219/CE con cui si sancisce la non iscrizione del principio attivo Acefate nell’allegato 1 della direttiva 91/414.

Questo articolo è stato pubblicato oltre 16 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

Un altro celebre insetticida che termina la sua carriera europea.
Sulla GUCE L82 del 29 marzo 2003 è stata notificata la decisione 2003/219/CE con cui si sancisce la non iscrizione del principio attivo Acefate nell’allegato 1 della direttiva 91/414.
Lo Stato membro relatore, l’Italia, sulla base della documentazione disponibile, ha presentato la propria monografia agli altri Stati e alla commissione del comitato permanente per la catena alimentare e la salute degli animali.
Nonostante vi sia stata l’integrazione del dossier con nuovi studi da parte della società titolare e si sia proceduto all’eliminazione di molti impieghi, il principio attivo non è risultato avere le caratteristiche di sicurezza per continuare a venire commercializzato nell’unione europea, in particolare per i suoi effetti nei confronti dei degli operatori esposti al prodotto e degli organismi non bersaglio.
I singoli stati dovranno revocare le registrazioni a base di Acefate entro sei mesi dalla decisione (entro quindi il 25 settembre 2003) e i prodotti revocati non potranno rimanere in commercio oltre il 25 settembre 2004.

Fonte: Agronotizie

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 187.072 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner