Rincaro dei carburanti, Confeuro: 'Il futuro è nella green economy'

Il presidente Tiso: 'Necessario un piano energetico verde che non abbia ripercussioni negative sul sistema agricolo'

Questo articolo è stato pubblicato oltre 9 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

eolico.jpg

Confeuro: 'Necessario investire su eolico e solare'

"Il rialzo dei prezzi dei carburanti evidenzia la necessità di un piano di sviluppo energetico che non si basi sullo sfruttamento del sistema agro-alimentare, ma sullo sviluppo di settori quali l'eolico e il solare". Parole di Rocco Tiso, presidente nazionale Confeuro, che aggiunge: "La sperimentazione di tecniche di produzione energetica tramite il sistema agricolo, attraverso gli additivi per esempio, ha evidenziato spesso una serie di falle sistemiche e incrementato le disuguaglianze sociali. Molte colture sono state convertite tenendo conto solo delle esigenze energetiche e non di quelle di approvvigionamento alimentare. Nello stesso tempo la possibilità di produrre energia ha spinto molte multinazionali a tentare di sottrarre i terreni agricoli ai produttori locali, specialmente nei Paesi in via di sviluppo".

Come ricorda Tiso, gli aumenti dei prezzi dei carburanti incidono negativamente su tutti i settori produttivi dell'economia italiana e in particolar modo su quello agricolo. Ogni qualvolta si crea un rialzo si cominciano a paventare nuove "scorciatoie produttive", come le chiama il presidente di Confeuro, che però aggiunge anche: "Un tema tanto delicato non può essere risolto senza una precisa strategia di sviluppo".

Tutte i più importanti Paesi del mondo stanno lavorando su dei progetti energetici verdi che passino, per esempio, per l''implemento dei finanziamenti per settori come l'eolico e il solare. "E' il momento che anche in Italia si discutano e attuino una serie di obbiettivi a media e lunga scadenza. E' oramai evidente – conclude Tiso - che il futuro è nella green economy".

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 229.867 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner