Eima 2018: Netafim e Confagricoltura unite per l'irrigazione di precisione

L'obiettivo dell'accordo è ottenere una gestione razionale della risorsa idrica, garantita dalla fusione delle ultime tecnologie per l'irrigazione con quelle offerte dal digital farming

accordonetafimeconfagricoltura2.jpg

Un momento della press conference ad Eima 2018
Fonte foto: Agronotizie

Si è conclusa da poco Eima International 2018, edizione della kermesse bolognese che ha riscosso notevole successo e alla quale hanno preso parte più di 300mila visitatori. In questa compagine Netafim, azienda specializzata nella produzione di soluzioni per l'irrigazione, e Confagricoltura, associazione di categoria fra le più note nel comparto agricolo, hanno siglato una importante partnership.

L'accordo ha lo scopo di favorire l'adozione e la diffusione dell'agricoltura sostenibile, in particolar modo attraverso un uso attento ed efficace della risorsa idrica. A firmare il protocollo d'intesa sono stati Massimiliano Giansanti, presidente di Confagricoltura, e Ran Maidan, oltre a Daniel Neves e Stefano Ballerini, rispettivamente amministratore delegato, presidente della divisione Emea e country manager Italia per Netafim.

"L'acqua - hanno detto i firmatari - è una delle risorse naturali che necessitano di maggiore attenzione al fine di assicurarne la qualità e la quantità necessarie per i vari utilizzi. Essa rappresenta un bene assolutamente indispensabile anche per l'agricoltura e l'85% del made in Italy agroalimentare è strettamente connesso al suo impiego".
"Il nostro - hanno proseguito i vertici di Confagricoltura e Netafim - è un accordo strategico che punta allo sviluppo dell'irrigazione di precisione grazie alla diffusione di tecniche innovative per l'utilizzo dell'acqua e di quelle per precision farming, anche attraverso il lancio di Dss (Decision support system) certificati come l'innovativo NetBeat. Grazie a questo sistema, l'agricoltore è in grado di razionalizzare, monitorare, analizzare, controllare e ricevere consigli sulla coltura per definire la miglior gestione irrigua".

La partnership tra i due organismi prevede inoltre che essi si impegnino in attività di formazione, divulgazione e assistenza tecnica agli imprenditori agricoli, sfruttando una rete di aziende agricole dimostrative e sviluppando progetti pilota su processi di coltivazione e irrigazione tanto innovativi quanto sostenibili.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 187.555 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner