Trelleborg, cambio al vertice

A partire dal primo aprile 2017, Paolo Pompei sarà il nuovo presidente della business area di Trelleborg Wheel Systems

Contenuto promosso da Trelleborg Wheel Systems Italia
Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

pompei-trelleborg.png

Paolo Pompei, nominato presidente di business area in Trelleborg
Fonte foto: Trelleborg

Dal 1 aprile 2017, la carica di presidente della business area di Trelleborg Wheel Systems sarà ricoperta da Paolo Pompei, che subentrerà a Maurizio Vischi non solo nell'incarico presidenziale, ma anche come membro del management del gruppo Trelleborg.
Facendo parte dell'azienda dal 1999, Pompei ha svolto diverse funzioni manageriali e, negli ultimi anni, è stato responsabile di diverse attività riguardanti i pneumatici agricoli.

Poiché Paolo possiede un profilo ed un background adatti sotto ogni punto di vista, siamo certi che sarà capace di sviluppare il business dei pneumatici in collaborazione con Trelleborg Wheel Systems - ha commentato Peter Nilsson, presidente e amministratore delegato del gruppo -
Tra i successi riportati da Paolo, ricordo l’acquisizione di CGS e le continue attività di integrazione".

Sono onorato, per non dire felice, di aver avuto l'opportunità di assumere la direzione dell'espansione delle attività relative ai pneumatici Trelleborg - ha dichiarato Paolo Pompei - Non vedo l'ora di iniziare, dal momento che Trelleborg Wheel Systems sta affrontando una fase entusiasmante".

Voglio ringraziare Maurizio Vischi, presidente dal 2001, per i fantastici progressi fatti nella business area, come, ad esempio, il raggiungimento di una posizione a livello mondiale, il miglioramento della presenza geografica ed il lancio di diversi nuovi prodotti, soluzioni e concetti - ha concluso Nilsson - Grazie a Vischi, l'area pneumatici ha davvero registrato una notevole crescita organica e strutturale".

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 222.256 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner