BF, integrazione di filiera dal seme alla tavola

Bonifiche Ferraresi ha pubblicato il Bilancio di sostenibilità 2019. Prosegue l'integrazione di filiera, dalle sementi di Sis fino al brand Le Stagioni d'Italia. Investimenti in R&D per 2,3 milioni di euro, agricoltura di precisione e tanta formazione interna

Tommaso Cinquemani di Tommaso Cinquemani

bonifiche-ferraresi-750x500.jpg

BF può contare su quasi 7mila ettari di Sau
Fonte foto: Bonifiche Ferraresi

Investimenti in Ricerca e Sviluppo per quasi 2,3 milioni (+61,3% rispetto al 2018), 6.910 ore di formazione al personale e percentuale di occupazione in aumento del 20,5%. Ma anche investimenti in agricoltura di precisione, miglioramento genetico delle sementi e integrazione di filiera. Sono questi alcuni dei dati salienti emersi dal Bilancio di sostenibilità 2019 che Bonifiche Ferraresi ha presentato lo scorso 17 novembre durante un evento in streaming.

Il Bilancio di sostenibilità è uno strumento con il quale le aziende danno conto ai propri azionisti e agli stakeholder non solo dei dati finanziari (sostenibilità economica), ma anche dei risultati raggiunti nel campo della sostenibilità ambientale e sociale.

Da questo punto di vista il Gruppo di Jolanda di Savoia chiude il 2019 con un utile netto di 0,8 milioni di euro e un Ebitda (i ricavi prima delle tasse, degli investimenti, ammortamenti e deprezzamenti) a 9,5 milioni (in crescita rispetto ai 4,1 milioni dell'anno precedente). Mentre il valore delle produzioni ha raggiunto 96,8 milioni di euro, contro i 78,6 milioni dell'esercizio precedente (+23,2%).
 
Dati Bonifiche Ferraresi

'Pesano' sull'utile netto gli investimenti effettuati dall'azienda per integrare la filiera e mantenere elevato il livello di innovazione. Per quanto riguarda la filiera le dimensioni di Bonifiche Ferraresi (6.886 ettari di Sau aziendale) permettono di gestire ogni fase della produzione. Dallo sviluppo di sementi, grazie al controllo di Sis (BF possiede il 42,18% della Società italiana sementi), fino alla commercializzazione dei prodotti a marchio Le Stagioni d'Italia, passando per la coltivazione delle materie prime/allevamento alla loro lavorazione e distribuzione.

La scelta di integrare la filiera, nonostante richieda uno sforzo organizzativo e finanziario elevato, rappresenta una buona strategia per internalizzare i margini che in una filiera composta da più attori si perdono ad ogni passaggio.

BF, grazie alla sua controllata IBF Servizi, può vantare inoltre un ottimo posizionamento anche dal punto di vista dell'innovazione. La società, creata insieme ad Ismea e con molteplici partner (e-Geos, A2A Smart Cities e altri), sviluppa e fornisce servizi per l'agricoltura di precisione sia internamente che a soggetti esterni. Un paradigma che permette non solo di essere più efficienti nelle produzioni, ma anche di avere una impronta ecologica positiva.
 

BF, sostenibilità ambientale e sociale

L'innovazione passa anche dalla formazione del personale. Nel 2019 sono state erogate 6.910 ore di formazione, con una media di 32,6 ore pro capite. Mentre la percentuale di occupati è salita del 20,5% raggiungendo 212 dipendenti. Di questa percentuale il 37,5% si riferisce ad assunzioni femminili.
 
Distribuzione % dell'azionariato di BF al 27 marzo 2020

Inoltre gli impegni del Gruppo BF sono coerenti con alcuni Sustainable development goals delle Nazioni Unite e testimoniano quindi il contributo che il Gruppo BF può dare al miglioramento del pianeta. In particolare, in sei dei SDGs il Gruppo BF ha ritenuto di poter assumere impegni nei confronti dei propri stakeholder: assicurare la salute e il benessere per tutti e per tutte le età; costruire un'infrastruttura resiliente e promuovere l'innovazione ed una industrializzazione equa, responsabile e sostenibile; garantire modelli sostenibili di produzione e di consumo; promuovere azioni, a tutti i livelli, per combattere il cambiamento climatico; proteggere, ripristinare e favorire un uso sostenibile dell'ecosistema terrestre; porre fine alla fame, garantire la sicurezza alimentare, migliorare la nutrizione e promuovere l'agricoltura sostenibile.

"Proprio per le peculiarità delle nostre attività, il Gruppo BF Spa ha una grande responsabilità nei confronti dell'ambiente e della società: l'attività agricola, ad esempio, è un'attività imprenditoriale privata che però gestisce beni di comunità come la terra e l'acqua. Ed è proprio attorno al concetto di comunità - inteso nella sua accezione più ampia - che il nostro Gruppo ha costruito la propria visione di lungo termine: lavorare per la tutela del territorio italiano agendo in modo innovativo, sostenibile e responsabile, apportando valore alla comunità economica - rappresentata dai nostri azionisti -, alla comunità sociale - rappresentata dai territori in cui operiamo - alla comunità interna - rappresentata dai nostri dipendenti", ha dichiarato Federico Vecchioni, ad di BF Spa.

"Il Bilancio di sostenibilità rappresenta una modalità efficace di dare conto dei risultati del Gruppo non solo dal punto di vista economico e finanziario ma anche sotto il profilo della sostenibilità ambientale e sociale, che sono da sempre valori connaturati al progetto di BF", ha sottolineato Rossella Locatelli, presidente di BF Spa. "Abbiamo intrapreso il percorso della rendicontazione sociale nella convinzione che esso vada portato avanti con rigore e metodo nel rispetto degli standard internazionali e che costituisca una base fondamentale su cui articolare il dialogo e la condivisione con gli stakeholder interni ed esterni".

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: innovazione agricoltura di precisione sostenibilità agricoltura sociale

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 256.149 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner