Nord Italia, focus su tassi d'interesse e biologico

Contributi in Lombardia per ridurre il peso del costo dei prestiti alle aziende agricole. Prorogato il bando sul biologico in Friuli Venezia Giulia

Lorenzo Pelliconi di Lorenzo Pelliconi

soldi-euro-banconote-by-marco-scisetti-fotolia-750.jpeg

In Lombardia risorse in arrivo per ridurre il costo dei prestiti alle aziende
Fonte foto: © Marco Scisetti - Fotolia

Continuano senza sosta gli interventi da parte delle Regioni per sostenere le imprese agricole afflitte dalla crisi economica attuale. In Lombardia è stato dato il via libera a una misura per il contenimento dei tassi di interesse sui prestiti, al fine di garantire più facilmente l'accesso al credito, mentre in Friuli il bando sul bio, uno dei principali interventi del meccanismo Psr, è stato prorogato, trovando conferma poi nella programmazione futura 2021-2027. Tranche di pagamenti Psr anche in Veneto per un totale di quasi 24 milioni di euro. 


Lombardia

Aziende agricole, intervento regionale per abbattere i tassi d'interesse
La Regione Lombardia ha deliberato una nuova misura straordinaria finalizzata alle operazioni di liquidità per il sostegno alle imprese agricole, con l'obiettivo di garantire la continuità delle attività. L'intervento riguarda l'abbattimento dei tassi di interesse per i prestiti alle aziende agricole, con una riduzione del 3%, nel limite massimo di 5mila euro, riconoscendo fino al 50% dei costi di garanzia per un valore massimo di mille euro. Il bando ha una dotazione finanziaria è da 11,6 milioni di euro, di cui 2,5 delle Regioni e 500mila destinate alle imprese del settore agricolo.


Friuli Venezia Giulia

Biologico, domande prorogate al 15 giugno
La scadenza del bando aperto in questi giorni per l'agricoltura biologica è stata posticipata al 15 giugno, relativamente alle domande di aiuto sul piano di sviluppo rurale 2014-2020.

"La Regione è accanto alla filiera agricola e intende utilizzare tutti gli strumenti finanziari possibili, anche di carattere comunitario, per sostenere le aziende agricole – sottolinea l'assessore regionale all'Agricoltura Stefano Zannieranche questa scelta sul Psr è motivata dal fatto che l'agricoltura biologica è una realtà oramai consolidata e in espansione. Nel corso della programmazione 2014-2020, le aziende biologiche ammesse al bando sono state circa 600, rispetto alle meno di 100 del programma 2007-2013. I fondi europei uniti ai contributi regionali in questo settore sono arrivati a quota 15 milioni di euro. Il bando per l'agricoltura biologica – assicura Zannier – troverà copertura anche nei prossimi anni con i fondi del programma 2021-2027, per rivolgere l'attenzione alle 200 aziende agricole certificate del settore biologico presenti sul territorio regionale, che negli ultimi tre anni non hanno potuto accedere ai contributi".


Veneto

Psr, sblocco di 23,7 milioni di euro di pagamenti
Sbloccate domande di pagamento per 23,7 milioni di euro da parte dell'Autorità di gestione del piano di sviluppo rurale in Regione Veneto, per un totale di oltre 300 domande finanziate. Si tratta del risultato dell'attuale situazione di emergenza, che ha visto la Regione andare incontro alle necessità di liquidità delle aziende agricole. Le domande di pagamento di acconto procederanno con l'erogazione dell'aiuto una volta completati i controlli amministrativi documentali, con visita del luogo al termine dell'emergenza Covid-19. Per le domande di pagamento del saldo dell'aiuto, si potrà procedere con la conclusione dell'istruttoria.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 232.546 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner