Psr Lazio, il bando per le filiere corte

A disposizione oltre 1,6 milioni di euro con contributi massimi di 50mila euro a progetto. Scadenza il 27 settembre prossimo. All'interno il bando completo e la modulistica scaricabile

mercato-ortofrutta-by-glen-edelson-wikipedia-jpg.jpg

Mercati locali, nel Lazio oltre 1,6 milioni per lo sviluppo delle filiere corte
Fonte foto: Glen Edelson - Wikipedia

Il Lazio ha aperto il bando per finanziare lo sviluppo delle filiere corte e dei mercati locali e il sostegno ad attività promozionali a raggio locale connesse allo sviluppo delle filiere corte e dei mercati locali, attivato sulla sottomisura 16.4 del Psr con una disponibilità totale di 1 milione 650mila euro.

L'obiettivo generale è quello di migliorare le prestazioni economiche di tutte le aziende agricole e di aumentare la quota di mercato e l'orientamento al mercato delle aziende stesse.

Possono partecipare al bando come beneficiari partenariati di nuova costituzione o che intraprendano nuove attività per avviare filiere corte e mercati locali, individuando un soggetto capofila e stipulando un accordo di cooperazione e presentando un progetto di cooperazione.

I partenariati possono essere costituiti da imprese agricole e anche da altri soggetti, compresi intermediari commerciali (ma in numero non superiore a uno) e imprese che svolgono attività di trasformazione di tutto il territorio regionale.

L'accordo di cooperazione dovrà essere di durata non superiore a tre anni secondo le modalità previste dall'allegato A e potrà essere formalizzato anche dopo aver vinto il bando entro trenta giorni dalla comunicazione dell'esito positivo.

Il progetto di cooperazione, da realizzare secondo l'allegato B, dovrà anche esso essere di durata inferiore a tre anni e potrà richiedere un contributo massimo di 50mila euro.

Il sostegno è concesso sotto forma di contributo in conto capitale e l'operazione è finanziata sotto forma di sovvenzione globale a copertura dei costi della cooperazione, nella misura del 100% entro il limite massimo del 20% del costo complessivo del progetto ammissibile, e dei costi del progetto realizzato, nella misura del 60% delle spese ammissibili.

Sono considerati ammissibili i costi di costituzione ed esercizio della cooperazione, animazione, promozione, studi e pianificazione funzionali alla realizzazione delle seguenti fasi operative del progetto di cooperazione di filiera, nonché i costi relativi alle attività di cooperazione relative alla realizzazione del progetto.

Le domande di sostegno, presentate dai singoli soggetti capofila dell'accordo di cooperazione della filiera, devono essere inviate tramite il portale Sian entro il 27 settembre 2019.

Per maggiori informazioni e dettagli si rimanda alla pagina ufficiale dedicata al bando e al testo completo del bando stesso.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 191.611 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner