Cassazione: no alla cannabis light, ma...

Secondo Federcanapa e Consorzio nazionale tutela canapa, anche l'infiorescenza - per la quale la sentenza dispone il divieto di vendita al pubblico - è di lecita cessione quando ne viene dimostrata la mancanza di "efficacia drogante". Al sicuro i rapporti commerciali tra agricoltori e industria di trasformazione

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

canapa-foglie-by-iarygin-andrii-fotolia-750.jpeg

Canapa, resta da chiarire le modalità applicative del principio dell'efficacia drogante in relazione al divieto di commercializzazione delle infiorescenze
Fonte foto: © Iarygin Andrii - Fotolia

Il 30 maggio 2019 le sezioni unite penali della Corte di Cassazione, presiedute dal presidente aggiunto Domenico Carcano, hanno deciso che è reato commercializzare i prodotti derivati dalla cannabis light.
"Integrano il reato" previsto dal Testo unico sulle droghe  - articolo 73, commi 1 e 4, decreto del presidente della Repubblica 309/1990 - "le condotte di cessione, di vendita, e, in genere, la commercializzazione al pubblico, a qualsiasi titolo, dei prodotti derivati dalla coltivazione della Cannabis sativa, salvo che tali prodotti siano in concreto privi di efficacia drogante". Questa la massima provvisoria emessa dalle sezioni unite, dopo la camera di consiglio di giovedì scorso.

La commercializzazione di Cannabis sativa, spiegano i supremi giudici, "e in particolare di foglie, inflorescenze, olio, resina, ottenuti dalla coltivazione della predetta varietà di canapa, non rientra nell'ambito di applicazione della legge 242 del 2016", sulla promozione della coltivazione e della filiera agroindustriale della canapa.
Secondo la sentenza, invece la legge 242/2016 "qualifica come lecita unicamente l'attività di coltivazione di canapa delle varietà iscritte nel catalogo comune delle specie di piante agricole" che "elenca tassativamente i derivati dalla predetta coltivazione che possono essere commercializzati".
 

Ancora qualche ambiguità

Fin qui il fatto: la Corte di Cassazione detta un criterio, quello della "efficacia drogante" per stabilire quali siano in linea di massima le condotte lecite e illecite rispetto alla commercializzazione dei prodotti. Inoltre, fa una distinzione tra vendita al pubblico della canapa (illecita) e vendita della canapa dagli agricoltori a soggetti trasformatori, lecita perché contemplata dalla legge 242/2018. Pur tra qualche persistente ambiguità - non è chiaro come si applica il principio dell’efficacia drogante in relazione al divieto di commercializzazione di infiorescenze olio, resina e foglie - il problema sembra avviato quindi a soluzione, almeno a sentire le principali organizzazioni di prodotto del settore canapa.
 

Applicazione del principio dell’efficacia drogante

Federcanapa invita tutti gli attori della filiera a tenere presente che con questa sentenza c’è almeno una certezza: il reato previsto dall’articolo 73 del Dpr 309/1990 non scatta se manca l’efficacia drogante del prodotto, che letteratura scientifica e forense attestano al raggiungimento o superamento della soglia dello 0,5% di Thc, il cannabinoide con potenziali effetti stupefacenti. Al di sotto di tale limite non è rilevabile effetto psicoattivo, come per altro conferma la stessa circolare del ministero dell’Interno del luglio 2018, che  richiama questo limite: “Quantitativi pari ai 5 mg di Thc per singola dose/assunzione consentirebbero di attribuire - in linea teorica - la natura di sostanza stupefacente alle infiorescenze in esame" è scritto nella circolare. Su tale linea si attesta anche una nota del Consorzio nazionale tutela canapa.
 

Vendita della canapa verso trasformatori è lecita

Federcanapa inoltre avverte: "In ogni caso tutte le attività agricole e le attività di vendita da aziende agricole e ad altre imprese per la trasformazione della canapa in prodotti derivati - cosmetici, alimentari, manifatturieri, biomassa, colture per florovivaismo - ricadono sotto la L.242/2016 e pertanto non sono minimamente a rischio, purché conformi alle rispettive normative di settore”. Anche in questo caso Consorzio nazionale tutela canapa ha una posizione allineata.
 

Vendita di prodotti al pubblico: i rischi

Il rischio – secondo Federcanapa e Consorzio nazionale tutela canapa- resta per la vendita al pubblico di cannabis light o di derivati dalle infiorescenze. Dal momento che la sentenza della Cassazione esclude infiorescenze, foglie e resine dall’ambito di applicazione della legge sulla canapa industriale (L.242/2016), anche sotto lo 0,5% di Thc.
 

Federcanapa e il disciplinare di produzione con Cia e Confagricoltura

Malgrado la legge italiana e la giurisprudenza continuino a rimanere ambigue al riguardo, Federcanapa ritiene "giusto vendere al pubblico derivati dalle infiorescenze di canapa industriale, purché derivino da varietà europee certificate e rispettino la salute dei consumatori sia sotto il profilo del Thc che su quello di altre sostanze nocive quali muffe, metalli pesanti, micotossine o altro".

A tal proposito Federcanapa, insieme a Cia e Confagricoltura, ha adottato un marchio e un “Disciplinare di produzione delle infiorescenze” volto a certificare e tracciare l’intera filiera produttiva e a garantire la qualità e la sicurezza dei prodotti (con Thc inferiore allo 0,2%). E secondo Federcanapa per tale tipologia di produzione, “la relativa commercializzazione non possa costituire reato, come confermato dalle sezioni unite della suprema Corte di Cassazione”. Qui Federcanapa fa riferimento al principio generale della mancanza dell'efficacia drogante dei prodotti, che si perde da 0,5% di Thc in su. Ma resta il dubbio sul fatto che comunque possa scattare la tagliola sulle parti di pianta.
 

Consorzio nazionale tutela canapa: i prodotti a nostro marchio sono sicuri

“Tutti i prodotti a nostro marchio sono completamente legittimi, corredati di dossier tracciabilità e analisi; invitiamo tutti a diffidare dai prodotti di dubbia provenienza" conclude la nota di Consorzio nazionale tutela canapa, lasciando capire che trattasi di prodotti con Thc inferiore a 0,5%. E anche qui vale la stessa osservazione fatta per il disciplinare e il marchio di Federcanapa, Cia e Confagricoltura.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: AgroNotizie

Autore:

Tag: giurisprudenza canapa

Temi caldi: Canapa, il ritorno

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 191.638 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner