Melone e pomodoro, il Crea diventa centro di autorizzazione per nuove varietà

L’ufficio comunitario per le varietà vegetali ha dato il via libera a operare sulle due specie dopo i controlli alle strutture del centro di ricerca. In autunno il riconoscimento ufficiale

pomodoro-melone-by-gfdl-toby-hudson-wikipedia.jpg

Meloni e pomodori a crescita determinata
Fonte foto: modificato da GFDL e Toby Hudson Wikipedia

Il centro di ricerca difesa e certificazione del Crea potrà autorizzare nuove varietà di melone e pomodoro a crescita determinata.

Il centro aveva già ottenuto negli scorsi mesi l'autorizzazione per riconoscere varietà di riso, mais frumento duro, farro dicocco, trifoglio alessandrino, carciofo e cardo, bromo catartico e veccia di Narbonne.

Il via libera per le due specie botaniche è arrivato in questi giorni dal Cpvo, l'ufficio comunitario per le varietà vegetali, l'agenzia europea fondata nel 1994 che si occupa della registrazione e della tutela dei diritti e della proprietà intellettuale delle varietà delle piante coltivate nell'Unione europea.

Il Cpvo ha dato l'autorizzazione dopo una serie di controlli effettuati nelle strutture del Crea e ora si aspetta l'ufficializzazione della decisione in autunno, quando si riunirà il consiglio direttivo della agenzia.

Il centro di ricerca difesa e certificazione del Crea potrà poi operare come ufficio d'esame del Cpvo per il melone e il pomodoro. 

Il centro, una volta ufficializzato il riconoscimento, potrà sia effettuare prove per conto del Cpvo per ottenere il titolo di protezione comunitaria di nuove varietà di tali specie, sia utilizzare i risultati delle prove descrittive già effettuate ai fini dell'iscrizione al registro nazionale, con considerevoli vantaggi economici e riduzione dei tempi per i costitutori.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 188.759 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner