Pomodoro di Pachino Igp: al via la campagna promozionale

L'iniziativa, promossa dal Mipaaf in collaborazione con Italia Ortofrutta, parte oggi in migliaia di punti vendita della Gdo. Obiettivo: rendere più riconoscibile il tipico ciliegino da parte dei consumatori

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

Questo articolo è stato pubblicato oltre 2 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

pomodoro-di-pachino-igp.jpg

Nella foto una confezione di Pomodori di Pachino immortalati da un'altra recente campagna promozionale del ministero
Fonte foto: © Mipaaf, ministero delle Politiche agricole

Sostenere il pomodoro siciliano fresco e tipico dandogli maggiore risalto e riconoscibilità lì dove è maggiormente venduto: nei supermarket sparsi lungo lo Stivale. E' questo l'obiettivo della campagna di promozione del Pomodoro di Pachino Igp e del ciliegino siciliano partita oggi, 21 febbraio 2018, in migliaia di punti vendita della grande distribuzione organizzata in tutta Italia.

L'iniziativa, promossa dal Mipaaf, è realizzata dall'organismo interprofessionale Ortofrutta Italia, con la collaborazione delle più importanti catene della Gdo.

"È un segnale importante di attenzione alla produzione agricola siciliana - ha dichiarato il ministro, Maurizio Martina - perché con questa campagna i consumatori potranno riconoscere con più facilità i pomodori di Pachino e scegliere così di sostenere il lavoro degli agricoltori. C'è stata una reazione positiva e tempestiva della grande distribuzione per valorizzare e promuovere meglio il prodotto di stagione italiano. Andiamo avanti con risposte concrete per la tutela di chi vive di agricoltura".
 
La notizia dell'avvio della campagna di promozione giunge in una Sicilia flagellata dalla crisi dei prezzi dell’ortofrutta, e dove, nei giorni scorsi, proprio l’assessore all’Agricoltura della Regione Siciliana, Edy Bandiera, aveva lanciato un appello alla collaborazione alla Gdo italiana sul versante del ritiro dei prodotti orticoli made in Sicily e con particolare riguardo alla questione prezzi, caduti a causa dell’import dall’estero ed a dispetto della scarsità dovuta ad un’annata iniziata sotto i peggiori auspici, dardeggiata dalle avversità meteo, a cominciare dalla penuria di acqua per uso irriguo.

Dal canto suo Martina, con un gesto istituzionale, interpretato come distensivo, attenua i toni polemici da campagna elettorale, con i quali aveva definito l’import di pomodori dal Camerun giunti fin sui mercati siciliani come una fake news.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 253.968 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner