Soleat, un Pif per le oleaginose toscane

Presentato il progetto integrato di filiera incentrato su i semi oleosi in fase di costituzione in Toscana per cercare enti e aziende per stipulare l'accordo di filiera. Il progetto dovrà esser presentato entro il 10 novembre

girasole-oleaginose-by-matteo-giusti-agronotizie-jpg.jpg

Un campo di girasoli, una coltura oleaginosa divenuta anche un tratto caratteristico di molti paesaggi toscani
Fonte foto: Matteo Giusti - Agronotizie

L’azienda Savi Italo srl, in qualità di capofila, si propone di raggruppare le aziende agricole e agroalimentari interessate a partecipare a un Progetto integrato di filiera incentrato sullo sviluppo delle oleaginose.

Il Pif, come previsto dal bando della regione Toscana, prevede di creare accordi tra tutti gli operatori interessati di una filiera per creare sinergie e sfruttare le risorse messe a disposizione dal Psr per sviluppare tutto il comparto.

Nello specifico questo progetto, denominato Soleatsemi oleosi alla toscana – si occuperà della filiera delle colture oleaginose con lo scopo di contenere i costi di produzione e trasformazione, sostenere l'innovazione tecnologica e favorire il mercato locale e la valorizzazione dei prodotti.

In particolare l'idea è quella di poter acquistare mezzi e tecnologie per ottimizzare le produzioniaumentare la competitività delle aziende, migliorare i metodi di trasformazione di conservazione dei prodotti e sviluppare nuovi prodotti da poter offrire al mercato.

Per approfondire le tematiche del progetto nei giorni scorsi si è tenuta anche un'assemblea a Empoli, in modo da far conoscere alle aziende e agli enti interessati le opportunità e gli obblighi previsti dal bando.

Le aziende e le altre realtà del territorio interessate potranno chiede ulteriori informazioni a Melograno Servizi srl, al numero 0573/402593 tenendo conto che la scadenza per la presentazione del progetto è fissata al 10 novembre prossimo.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 206.620 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner