Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
30 anni di Image Line
Una Mano per i Bambini

Canapa e officinali, strumento di sviluppo anche per le zone terremotate

Si è tenuto in questi giorni a L'Aquila un convengo organizzato da Cia Donne in campo per parlare delle opportunità di colture alternative per l'agricoltura del Centro Italia, anche per i territori colpiti dal sisma

piante-officinali-aromatiche-by-darval-fotolia-750.jpeg

Officinali e canapa, a L'Aquila un convegno per illustrarne le potenzialità di mercato
Fonte foto: © darval - Fotolia

Puntare su "nuove" e promettenti colture per rilanciare l'agricoltura del Centro Italia e anche come chiave di sviluppo per le zone terremotate.

Questo è stato il tema dell'incontro "Officinali, mellifere, canapa: profumo di domani" organizzato da Cia Donne in campo che si è tenuto nei giorni scorsi a Palazzo Fibbioni a L'Aquila.

Un incontro per continuare a dimostrare vicinanza e solidarietà alla popolazione colpita dal terremoto, ma anche per illustrare le opportunità di mercato che ruotano intorno a colture come la canapa e le piante aromatiche e officinali.

Queste piante infatti stanno vivendo una rinascita importante, come dimostrano i dati. Negli ultimi tre anni, la superficie coltivata a canapa è aumentata di circa il 200%, passando da 950 a circa 3mila ettari.

Le potenzialità della canapa sono note, con applicazioni che vanno dal settore alimentare a quello tessile, dalla cosmetica alla bioedilizia, e lo sviluppo di questa coltura, tra l'altro una coltura tradizionale e importante del nostro paese, sembra avere ottime prospettive soprattutto dopo la legge 242 del 2016 sulle "Disposizioni per la promozione della coltivazione e della filiera agroindustriale della canapa".

Altrettante possibilità di sviluppo hanno le piante officinali, che negli ultimi tre anni hanno visto un aumento della superficie coltivata del 63%, con un numero di ettari che è passato da 4.410 a oltre 7mila.

Si tratta di piante come anice, aloe, camomilla, calendula, cumino, gelsomino, genziana, lavanda, liquirizia, maggiorana, menta, melissa, mughetto, rosmarino, piretro, salvia, valeriana, zafferano, piante destinate soprattutto all'industria farmaceutica e alla cosmetica, ma che stanno vedendo il loro mercato in crescita.

Un mercato che tuttavia non riesce ancora a coprire il fabbisogno nazionale, che vede importazioni per circa il 70% e che mostra quindi ampie possibilità di crescita.

Secondo il presidente nazionale della Cia, Dino Scanavino, il potenziale agricolo è altissimo ed è un'opportunità per molti agricoltori.

Per Mara Longhin, presidente di Cia - Donne in campo, canapa, erbe officinali e mellifere, sono un buon punto da cui ripartire nei territori devastati dal sisma.

Certamente un'opportunità da tenere in considerazione, nel quadro dell'emergenza e della ricostruzione dell'economia agricola di queste zone.

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner