Agricoltura, filiera, mercato e territorio

Se ne parlerà il prossimo 10 dicembre a Imola (Bo) dopo l’assemblea ordinaria della Cia locale

Questo articolo è stato pubblicato oltre 2 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

agricoltura-campi-campo-arato-lavoro-agricolo-by-mykola-mazuryk-fotolia-750x750.jpeg

Imola (Bo), 10 dicembre 2016
Fonte foto: © Mykola Mazuryk - Fotolia

Cia agricoltori italiani di Imola organizza l'incontro "Agricoltura filiera mercato territorio" che si terrà il prossimo sabato 10 dicembre alle  16.30 nella Sala Grande del Circolo Sersanti di Imola (Bo). L’incontro seguirà all’assemblea ordinaria e vedrà gli interventi di Giordano Zambrini, presidente della Cia di Imola, di Andrea Oliviero, viceministro delle Politiche agricole alimentari e forestali, di Simona Caselli, assessora all’Agricoltura della Regione Emilia-Romagna, di Daniele Manca, sindaco di Imola, di Claudia Merlino, responsabile dell’organizzazione e sviluppo della Cia nazionale e le conclusioni di Dino Scanavino, presidente della Cia nazionale. L'incontro sarà moderato dalla giornalista Alessandra Giovannini.

La tutela del reddito delle aziende agricole, che negli ultimi dieci anni è fortemente diminuito mettendo gli agricoltori in situazione di grosse difficoltà, sarà uno degli argomenti principali dell'evento. A seguito di questa crisi, segno di una mancata capacità di cambiamento, la Cia Agricoltori Italiani di Imola vuole mettere nuovamente l’agricoltura al centro di una progettualità territoriale che veda il settore come motore di traino per una ripresa complessiva. Questo richiede di affrontare, anche a livello politico, delle scelte importanti, precise come la semplificazione ma anche la ridistribuzione del valore aggiunto della filiera e il passaggio da produttore a imprenditore. Tra i temi che contribuiscono a diminuire la capacità di confronto sul mercato c’è, poi, il fenomeno del caporalato a cui molti imprenditori ricorrono, o rischiano di ricorrere, per poter contenere i costi.

Nel corso del pomeriggio si parlerà inoltre del modello di rappresentanza, ovvero la necessità di avviare reali e fattivi percorsi per arrivare, non solo ad una unità di intenti, ma anche ad una reale unità del mondo agricolo in tutti i suoi aspetti.

Crisi, caporalato e unità di rappresentanza diventano sottotitoli di un’agricoltura che necessita di una filiera che funzioni per un mercato che deve essere competitivo per lo sviluppo e il rilancio di un territorio forte e unito.

Per maggiori informazioni sull'incontro clicca QUI

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.914 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner