Puglia, convocato il tavolo delle parti sul caporalato

Attivato il gruppo di lavoro per l'attuazione del protocollo d'intesa del 27 maggio

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

caporalato-lavoro-agricolo-nick-barounis-fotolia-750.jpeg

Nei prossimi giorni il presidente della Regione Puglia convocherà anche i rappresentanti delle organizzazioni del Terzo Settore firmatarie del protocollo d'intesa
Fonte foto: © nick barounis - Fotolia

Si è tenuta ieri mattina, presso la Presidenza della Regione Puglia, la prima riunione operativa successiva alla sottoscrizione del protocollo sperimentale “Cura, legalità, uscita dal ghetto” siglato lo scorso 27 maggio a Roma nella sede del ministero dell’Interno.

Presenti il presidente della Regione Michele Emiliano, che ha convocato l’incontro, i delegati regionali e provinciali di Cgil, Cisl, Uil, Flai-Cgil, Fai-Cisl, Uila-Uil, e datoriali Confagricoltura, Cia, Coldiretti e Copagri. Nei prossimi giorni saranno convocate dalla Regione anche le realtà del terzo settore firmatarie dell’accordo.
Hanno partecipato anche i delegati di cinque dipartimenti, a testimonianza della natura trasversale delle politiche regionali in materia di contrasto al caporalato e sfruttamento lavorativo.
 
“Il fenomeno del caporalato - ha detto il presidente Emiliano – e dello sfruttamento lavorativo in agricoltura va gestito attraverso una attenta pianificazione.  Situazioni di assoggettamento di altri esseri umani non sono tollerabili ed è compito delle regioni affrontare e porre rimedio a tali situazioni che si profilano come vere e proprie emergenze umanitarie. Siamo consapevoli che il lavoro che abbiamo davanti è complesso e richiederà tempo. Oggi, però, si definisce con precisione l’impegno che ciascuno dei soggetti presenti assume per difendere i diritti dei lavoratori, delle aziende sane e dell’immagine della Puglia”.
 
Il presidente della Regione Puglia ha espresso profonda gratitudine nei confronti dei presenti per il lavoro e l’impegno profusi e per tutto ciò che sarà realizzato nei giorni a venire. A conclusione della riunione di ieri si è attivato un gruppo di lavoro permanente che da oggi e per i prossimi dieci giorni declinerà operativamente il contenuto del Protocollo nazionale.
 
“Il Protocollo nazionale - come ha spiegato Stefano Fumarulo, direttore della sezione Politiche dell’immigrazione della Regione Puglia – ci consente di inserire il piano che la Regione Puglia aveva già iniziato ad elaborare, in una cornice che permetterà, entro brevissimi tempi, di attivare le misure di contrasto al caporalato ed a sostegno dei diritti e della dignità dei lavoratori stagionali, in gran parte migranti”.
 
Annalisa Fiore, direttore della sezione Politiche per il lavoro, ha ricordato come “la Regione Puglia è pronta ad adottare interventi immediati all’interno dei campi di accoglienza dei lavoratori per il mezzo di attività sperimentali come sportelli informativi gestiti dai centri territoriali per l’impiego, imprese e rappresentanze sindacali”.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Regione Puglia

Autore:

Tag: organizzazioni agricole lavoro agricolo caporalato

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.674 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner