Basilicata, oltre 640mila euro per le alluvioni del 2011

La Giunta approva gli elenchi delle aziende agricole danneggiate e avvia le procedure per liquidare i danni

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

maltempo-pioggia-alluvione-temporale-fulmini-patryk-kosmider-fotolia-750.jpg

Alluvioni del 2011, attivata la procedura per liquidare i danni in Basilicata
Fonte foto: © Patryk Kosmider - Fotolia

Approvati a metà agosto dalla Giunta regionale della Basilicata gli elenchi provvisori delle imprese agricole beneficiarie degli aiuti per i danni subiti a seguito degli eventi alluvionali del 18 febbraio e 1 marzo 2011 nelle province di Matera e Potenza.
Ammesse e finanziabili 55 istanze - 42 istanze sulla Delibera di Giunta Regionale 1252/2011 - I Avviso) e altre 13 sulla Delibera 644/2012 - II Avviso - con un contributo complessivo di oltre 640mila euro.
 
Lo comunica l’assessore alle Politiche Agricole e Forestali, Luca Braia. “Un impegno assunto sin dal mio insediamento in Giunta - sottolinea Braia - quello di accelerare ed emettere i pagamenti per gli eventi calamitosi entro l'estate. Nella prima settimana di luglio sono state liquidate e pagate le 413 aziende lucane colpite dagli eventi calamitosi del 2004 e 2005 e  tutti gli aiuti per le alluvioni del 2011 - riconosciuti con lo stato di calamità - saranno liquidati tra novembre e dicembre 2015."

"La prossima scadenza riguarderà il completamento dell'istruttoria per le nevicate del febbraio 2012, che liquideremo per la fine del 2015" ha detto Braia.

"Sempre per mantenere tutti gli impegni presi, cercheremo poi nei primi mesi del 2016 di completare tutte le istruttorie relative alle alluvioni verificatesi nel 2013, che hanno colpito soprattutto l'area del Metapontino" ha sottolineato ancora Braia.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Regione Basilicata

Autore:

Tag: azienda agricola maltempo

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner