Nuovi approcci per il benessere: prodotti nutraceutici e nutrizione traslazionale

L'incontro, organizzato dall'Accademia nazionale di agricoltura, si terrà il 26 marzo nella Sala del Cubiculum Artistarum dell’Archiginnasio di Bologna, ore 16.00

Questo articolo è stato pubblicato oltre 4 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

silvana-hrelia.jpg

Silvana Hrelia, professoressa del Dipartimento di Scienze per Qualità della Vita Alma Mater Studiorum Università di Bologna

In occasione degli eventi mensili organizzati dall’Accademia nazionale di agricoltura si terrà a Bologna, nella giornata del 26 marzo (ore 16-18) nella Sala del Cubiculum Artistarum dell’Archiginnasio, l’appuntamento “Nuovi approcci per il ben-essere prodotti nutraceutici e nutrizione traslazionale”. Relatrice dell’incontro sarà la professoressa Silvana Hrelia, Dipartimento di Scienze per Qualità della Vita Alma Mater Studiorum Università di Bologna.

Tema dell’incontro il rapporto tra cibo e qualità della vita argomento, oggi, di grande importanza e dibattuto a livello internazionale. Infatti, è ormai assodato che stili di vita non appropriati e una non corretta nutrizione rappresentano le principali cause determinanti delle più importanti patologie cronico degenerative, mentre corrette indicazioni e un corretto comportamento in ambito nutrizionale possono influenzare non solo lo stato di salute presente, ma condizionare anche quello futuro.

Nasce alla fine degli anni ‘90 il concetto di nutraceutica, inteso come studio dei componenti degli alimenti. L’interazione tra nutrienti e genoma è già da tempo oggetto di studio e la nutrigenomica rappresenta uno dei maggiori successi di applicazione delle tecniche biotecnologiche allo studio dei meccanismi alla base dell’insorgenza delle patologie dieta-correlate. A queste scoperte si affiancano le ultime novità scientifiche che propongono il concetto di “CircadiOmics”, sottolineando come le interazioni tra nutrienti, nutraceutici e metabolismo dipendano anche dall’orario di assunzione degli alimenti. Quindi non solo è importante cosa si mangia e quanto si mangia, ma anche quando si mangia, in quanto ciascun macro e micronutriente e ciascun fitocomponente ha un “tempo biologicoottimale di metabolizzazione.

Parteciperà all’incontro, in qualità di moderatore, il professor Enrico Roda, Alma Mater Studiorum Università di Bologna.

Per maggiori informazioni clicca QUI

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 206.628 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner