Inflazione: l’agricoltura "raffredda" i prezzi, ma i consumi restano giù

L'analisi della Cia: il carrello della spesa resta vuoto anche se i listini si sono praticamente dimezzati nel giro di qualche mese

Questo articolo è stato pubblicato oltre 5 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

supermercato-supermercati-spesa-consumi-carrello-by-eisenhans-fotolia-750x490.jpg

Consumi, per l'85% degli italiani nessuno spreco sulla tavola
Fonte foto: © Eisenhans - Fotolia

L’agricoltura concorre a rallentare l’inflazione, che tocca un nuovo minimo a marzo, ma le buste della spesa rimangono sostanzialmente vuote. La riduzione netta dei prezzi di frutta e verdura fresca, che calano rispettivamente del 3,9 per cento e del 6,5 per cento tendenziali, contribuisce a evitare rincari sulla voce alimentare ma non modifica per nulla la situazione depressiva dei consumi. Prima di tutto quelli per la tavola.

Lo afferma la Cia - Confederazione italiana agricoltori, in merito ai dati Istat.

"Nonostante da novembre a oggi la corsa dei prezzi si è praticamente dimezzata, la domanda interna resta molto debole - osserva la Cia - Gli italiani, cioè, sono costretti a praticare ancora una “spending review” sul cibo, tanto che se nel 2007 mettevano nel carrello 5 prodotti alimentari, ora ne prendono soltanto due".
Secondo il rapporto Cia-Censis, al supermercato l’85 per cento degli italiani cerca di eliminare ogni spreco ed eccesso. Inoltre, il 73 per cento riorganizza la spesa alimentare puntando quasi esclusivamente su offerte e promozioni. Ma soprattutto, con la spinta verso il low cost e i discount, solo il 23 per cento oggi guarda alla marca come un elemento di garanzia di qualità.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 209.800 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner