Francia-Italia, convergenza tra le parti sulla riforma della Pac

Il ministro al Mipaaf Mario Catania ha incontrato il ministro francese Bruno Le Maire

Questo articolo è stato pubblicato oltre 8 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

incontro_catania-lemaire_pac.jpg

Da sinistra, il ministro francese Bruno Le Maire e il ministro al Mipaaf Mario Catania

“L’incontro con il ministro francese Bruno Le Maire ha rappresentato l’occasione per un nuovo confronto sui temi che, a livello europeo, interessano l’agricoltura e la pesca. Nel corso del nostro colloquio, che è stato particolarmente positivo, abbiamo avuto modo di confermare la sintonia tra i governi dei due Paesi in merito alla riforma della Politica agricola comune. Abbiamo parlato anche della difficile situazione dell’ortofrutta e della questione relativa ai diritti di impianto delle viti, un tema molto importante per la tutela delle produzioni vinicole di eccellenza, sia italiana e che francese. Su tutte le tematiche  abbiamo registrato una forte convergenza”.

Lo ha detto il ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali, Mario Catania, al termine dell’incontro al Mipaaf con il ministro dell’Alimentazione dell’Agricoltura e della Pesca francese, Bruno Le Maire.

“Sul versante della Pac – ha aggiunto il ministro Catania – il ministro Le Maire mi ha assicurato il sostegno della Francia affinché la ripartizione degli aiuti salvaguardi gli interessi degli agricoltori italiani. Si tratta di un tema che considero prioritario, e registro con soddisfazione la disponibilità francese su questo punto. Con il ministro Le Maire abbiamo tirato le somme anche sul Pacchetto latte approvato, visto che il negoziato è stato condotto insieme e insieme abbiamo ottenuto un fondamentale risultato, introducendo la possibilità di programmare la produzione. Il Pacchetto qualità rappresenta un sfida altrettanto importante che affronteremo con lo stesso impegno”. 

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 238.837 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner