2030, non c'è made in Italy senza aziende e giovani

Un convegno organizzato dall'Agia-Cia che vedrà la partecipazione dei ministri al Mipaaf e alla Gioventù

Questo articolo è stato pubblicato oltre 8 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

logo_agia.gif

L'Agia-Associazione giovani imprenditori agricoli della Cia-Confederazione italiana agricoltori organizza oggi dalle ore 14.30 il convegno "2030: non c'è 'made in Italy' senza aziende e giovani"

L'incontro, che si svolgerà nella Residenza Ripetta (Sala Bernini - via Ripetta, 231), sarà aperto da una relazione introduttiva  intitolata "I possibili scenari economici al 2030" del prof. Andrea Segrè, presidente della Facoltà di Agraria all'Università di Bologna, e da un intervento  intitolato "Giovani agricoltori: prospettive per il futuro" di Joris Beacke, presidente del Ceja-Consiglio europeo dei giovani agricoltori. 

"A questi interventi - spiega la Cia - seguirà una tavola rotonda sul tema "I giovani ne parlano", durante la quale prenderanno la parola Gianfranca Pirisi, presidente dell'Aia; Federica Guidi di Confindustria; Annalisa Sassi di Federalimentare; Andrea Di Benedetto di Cna; Paolo Galimberti di Confcommercio; Marco Colombo di Confartigianato; Pasquale Busà di Confesercenti; Marco Leardini di Federalberghi-cnga; Valentina Sanfelice di Bagnoli di Confapi e Antonio Colombo di Federturismo". 

Al convegno, le cui conclusioni sono affidate al presidente della Cia, Giuseppe Politi, è prevista la partecipazione dei ministri delle Politiche agricole, alimentari e forestali Giancarlo Galan, e della Gioventù Giorgia Meloni, del coordinatore degli assessori regionali all'Agricoltura Dario Stefano e del presidente della commissione Agricoltura della Camera Paolo Russo. 

Il 17 novembre alle ore 10, nella sede nazionale della Cia, si terrà l'assemblea dell'Aia, al cui ordine del giorno ci saranno l'approvazione dello statuto nazionale e l'elezione degli organi.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 196.367 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner