Puglia, grano duro fino non quotato

E' successo oggi, 20 luglio 2016, a Foggia alla Borsa merci che ha assunto la decisione dopo le tensioni dei giorni scorsi, quando il prezzo era stato rilevato d'ufficio

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

agrex-grano-duro-borsa-italiana.jpg

Sospesa a Foggia la quotazione anche del grano tenero e dell'orzo. Ripresa una delibera della Giunta camerale sugli elementi che danno certezza alla rilevazione
Fonte foto: © Bmti - Borsa merci telematica italiana

Oggi, 20 luglio 2016, la Borsa merci della Camera di commercio di Foggia, nel diramare il consueto bollettino del mercoledì, contenente le principali quotazioni di beni e derrate, non ha quotato il grano duro fino all'ingrosso, il grano tenero fino e l'orzo.

Nei giorni scorsi Coldiretti Puglia aveva avanzato riserve circa il processo di formazione del prezzo sulla piazza di Foggia, a causa dell'assenza della controparte agricola in sede. Un vero e proprio sciopero, per sottolineare la scarsa affidabilità del sistema. Ne erano scaturite delle quotazioni denominate "d'ufficio".

Proprio oggi, il ministro per le Politiche agricole, Maurizio Martina, ha proposto per le quotazioni del grano duro una Commissione unica nazionale per meglio vigilare sul processo di formazione del prezzo, stimato ad oggi in difetto di trasparenza.
 
La Giunta della Camera di commercio nella seduta del 18 luglio scorso: "Con riferimento alle questioni emerse in relazione alla rilevazione del prezzo del grano, ha confermato quanto già previsto con deliberazione n.52 del 2009, precisando che in assenza di probanti elementi di valutazione, le rilevazioni si formalizzeranno con la precisazione di non quotato" recita un comunicato stampa dell'ente camerale della Capitanata.

"Nello specifico - continua la Giunta dell'ente camerale - considerato che la determinazione del prezzo, quale rilevazione delle contrattazioni effettuate è compito istituzionale dell'ente e che la certezza dei dati è l'obiettivo primario da perseguire, si ritiene necessario basare le quotazioni su elementi certi di valutazione e quindi su transazioni che: si siano chiuse con pagamento a pronti, escluse le cessioni in conto deposito; riguardino il prodotto locale con partite significative; siano documentate da fatture o da altri riscontri certi e verificabili in ordine ai prezzi realizzati".

La Giunta camerale ha altresì auspicato di trovare in tutti gli operatori della filiera la massima collaborazione nell'indicare, sotto la propria personale responsabilità, dati certi che aiutino gli uffici ad operare con la massima puntualità e correttezza per fornire elementi in grado di agevolare le dinamiche del mercato.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: cerealicoltura prezzi mercati

Temi caldi: Guerra del grano Il grano dà i numeri

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 191.445 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner