Concimi, ci aspetta una calda estate

Concimi e mercati: informazioni, prezzi, opportunità. A cura di SILC Informa

20210428-fertilizzanti-trend-mercato-rubrica.jpg

Ogni quindici giorni un commento sul mercato dei concimi di largo consumo

I lettori avranno già compreso che il 2021 è iniziato "col botto" e che i prezzi della maggior parte dei concimi (minerali ed organici) hanno subìto incrementi percentuali a due cifre. 

Vediamo subito il grafico (in base 100) che mostra le variazioni percentuali dei prezzi di tre concimi da inizio anno. Ricordiamo che l'urea granulare Nordafricana, da sola, costituisce oltre il 50% delle importazioni italiane e che gli altri due prodotti presi in considerazione non sono nemmeno prodotti in Italia e devono quindi coprire il 100% del mercato nazionale. Va da sé che la dipendenza totale dalle importazioni si traduce nell'impossibilità di mediare tra la quotazione internazionale e quella locale.


Analizzando in dettaglio urea e 18/46 è facile notare molte similitudini: i loro prezzi sono subito partiti forte, segnando circa +40% in poco più di un mese; ci sono poi stati circa 3 mesi di riflessione per poi tornare ad aumentare con vigore negli ultimi 50 giorni.
Molto diverso è stato l'andamento del prezzo internazionale del cloruro di potassio che è cresciuto di circa il 20% in poco più di 5 mesi e, poi, di un altro 20% negli ultimi giorni.

Il canale distributivo italiano dovrà inevitabilmente fare i conti con tale scenario che riflette quello che accade anche in altri comparti dell'economia. Dal petrolio al legno, dai trasporti alle produzioni agricole, tutto sta aumentando e, non appena dovesse risvegliarsi l'inflazione, aumenterà anche il costo del denaro ed il potere di acquisto del dollaro. Questi scenari possono far bene alle esportazioni ma di sicuro influiranno negativamente sui mercati che vivono di sole importazioni

Fino a non tanti anni fa i prezzi dei concimi erano imposti per legge (Cip) ed i mesi estivi si caratterizzavano per essere quelli con le quotazioni più basse che avrebbero dovuto incentivare gli acquisti in assenza di consumi. Quest'anno, ad esempio per i fosfatici, potrebbe essere davvero interessante ritornare a pianificare le scorte estive perché le quotazioni autunnali italiane saranno certamente molto più elevate delle attuali. Di sicuro interesse anche il comparto dei concimi composti anche se l'autunno vede prevalere gli NP sugli NPK, così come non si può prescindere dal fare qualche scorta anche di azoto e potassio.

Se fossi un anello della catena distributiva, oggi comprerei il 50% del fabbisogno di fosfatici ed il 30% di azotati e potassici, calcolati sugli acquisti medi del terzo trimestre; non tralascerei qualche speculazione sui composti.

 
Con cadenza quindicinale, AgroNotizie ospita un commento sul mercato dei concimi di largo consumo in collaborazione con SILC Fertilizzanti di Ravenna e, in particolare, con "SILC Informa".
Leggi tutti gli articoli nella rubrica "Concimi: informazioni e opportunità".
Chi fosse interessato ad approfondire i temi legati al mercato delle commodity per la nutrizione delle piante, può visitare SILC Informa.

Disclaimer
  • Le notizie del commento non possono essere utilizzate in trattative commerciali con il fornitore: i prezzi talvolta riportati si riferiscono alla quotazione per il medio/grande operatore commerciale (commerciante, Consorzio agrario, cooperativa).
  • Gli utilizzatori finali non devono commettere l'errore di "tradurre" i prezzi all'ingrosso in quotazioni al consumo credendo di poter fare i conti in tasca al loro fornitore. Il prezzo si riferisce a merce "franco partenza" e deve essere trasformato in "destino" aggiungendo il trasporto e considerando l'imballo (bancale, saccone).
  • I prezzi sono esenti da: Iva, contributo conai, quello per la sicurezza alimentare (laddove applicabile) e costi finanziari collegati a dilazioni di pagamento.
  • Le quotazioni non considerano i costi di magazzinaggio e consegna visto che sono relativamente rari i casi di concimi che vanno direttamente dal produttore/importatore al consumatore finale.
  • Invitiamo i lettori ad utilizzare le informazioni contenute nel report esclusivamente per ampliare le proprie conoscenze di mercato ed essere facilitati nel fare confronti e integrare quanto appreso da altre fonti.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 262.536 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner