Pomodoro da industria, riduzione delle rese produttive

Unaproa, Uiapoa e Unacoa confermano la tendenza già constata nella fase iniziale della campagna

Questo articolo è stato pubblicato oltre 7 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

Loghi pomodoro da industria_400.jpg

Unaproa, Uiapoa e Unacoa confermano la riduzione delle rese del pomodoro da industria

Le unioni nazionali Unaproa, Uiapoa e Unacoa hanno in corso un costante monitoraggio per la verifica dell'andamento della corrente campagna del pomodoro da industria.

Sulla base delle informazioni raccolte attraverso le Op associate, le unioni sottolineano che l'andamento produttivo e i dati della raccolta nel corso del mese di agosto stanno confermando la sensibile riduzione delle rese produttive già constatate nella fase iniziale di raccolta della presente campagna.

Elevati disagi si sono registrati a causa delle alte temperature (38-40 gradi) e del clima torrido che ha interessato, dopo ferragosto, gran parte delle aree produttive a livello nazionale, causando forti stress alle piante, sovra maturazione e danneggiamento dei frutti.

La situazione in atto porterà a una contrazione del ciclo colturale a discapito delle varietà tardive i cui investimenti risultano già essere nella fase di raccolta e un consistente calo della produzione ancora non quantificabile definitivamente.

Secondo le stime elaborate alla fine del mese di agosto, considerata anche la riduzione delle superfici messe a coltura rispetto alla campagna precedente, la produzione complessiva avviata alla trasformazione non dovrebbe superare i 45 milioni di quintali, con una riduzione di oltre il 20% rispetto alla campagna precedente.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 189.288 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner