Good energy award

Si terrà a giugno la 5° edizione del riconoscimento promosso da Bernoni Grant Thornton per premiare le realtà più virtuose nel settore “green” e nella produzione di energia da biogas, di cui il Gruppo Ricicla è patrocinatore scientifico. Candidature entro il 14 aprile

Questo articolo è stato pubblicato oltre 8 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

good-energy-award.jpg

La presentazione delle candidature al premio potrà avvenire fino al 14 aprile

Il biogas è un fenomeno positivo di integrazione tra l’attività agricola tradizionale e le nuove opportunità offerte dalla green economy. La regione Lombardia è un esempio virtuoso: circa il 75% delle biomasse impiegate è costituito da colture energetiche e reflui zootecnici e solo il 4% delle superfici agricole utilizzate viene destinato alla produzione di energia. È quanto emerge da una ricerca realizzata dal Gruppo Ricicla, Dipartimento di Scienze agrarie e ambientali dell’Università degli Studi di Milano, patrocinatore scientifico della 5° edizione del premio Good energy award, il primo riconoscimento nazionale ideato e promosso da Bernoni Grant Thornton per premiare le realtà più virtuose nel settore “green” e naturalmente anche in quello della produzione di energia da biogas.

Il premio, realizzato con il contributo di Bosch, Florim, Zucchetti e Universal e con il supporto scientifico del ministero dell’Ambiente, Andaf, Università degli Studi di Trento, Parco Tecnologico Padano, Aeit, Università degli Studi di Milano, Trentino Sviluppo, Tis Innovation Park di Bolzano  e Fiper, nasce dalla volontà di conferire un riconoscimento alle imprese che hanno avuto il coraggio di investire in un mercato nuovo, non tradizionale, in modo responsabile verso l’ambiente, l’economia e il territorio.
L’adesione all’iniziativa è libera e gratuita ed è rivolta a società e organizzazioni operanti nel settore energetico; a società e organizzazioni che nel corso degli ultimi anni abbiano attuato progetti, politiche e investimenti monitorabili, volti all’innovazione nel settore dell’energia (tra cui: risparmio energetico, fonti rinnovabili, sostenibilità ambientale e a tutto quanto coincida con una significativa riduzione della componente energetica necessaria al funzionamento dell’attività e al relativo incremento della marginalità o del risultato d’esercizio).

Le categorie previste nell’edizione 2014 del Good energy award sono: industria; terziario; real estate; pubblica amministrazione e no profit; agroalimentare; "Giovani speranze" e start-up.
La Giuria del premio individuerà e selezionerà i finalisti secondo i seguenti criteri: l’impegno profuso, le risorse e le tecnologie impiegate, i ritorni economici, il valore per il territorio, la collettività e gli stakeholders aziendali, nonché la ricerca di una sempre maggiore efficienza energetica; tali elementi saranno valutati in base a parametri economici, finanziari, tecnici, ambientali e di relazione con il territorio ove il candidato opera.

La presentazione delle candidature al premio potrà avvenire fino al 14 aprile, mentre la cerimonia di premiazione è prevista per giugno 2014.

Il regolamento e i moduli di iscrizione al premio sono consultabili QUI

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 277.476 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner