Agricoltura, punta di diamante per Fiat Industrial

Ricavi in aumento nel secondo trimestre 2012: + 5,4% grazie al rafforzamento del business delle macchine agricole

Info aziende
Questo articolo è stato pubblicato oltre 7 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

Big-baler-NH_ok.jpg

Big Baler di New Holland
Fonte foto: New Holland - Cnh Italia

Il settore macchine per l'agricoltura e costruzioni (CNH) del Gruppo Fiat Industrial ha registrato nel secondo trimestre 2012 ricavi pari 4,1 miliardi di euro segnando una crescita del 14,2% rispetto allo stesso periodo 2011.

L’andamento stabile della domanda di macchine per l’agricoltura a livello globale, determinato da prezzi favorevoli delle commodity agricole ha, infatti, compensato condizioni di mercato più variegate nel business delle macchine per le costruzioni.

 

Secondo trimestre 2012: comparto agricolo

I ricavi del comparto agricolo, grazie ai volumi, ai migliori prezzi e a un mix prodotto più favorevole, hanno fatto registrare un incremento del 16,6% rispetto al secondo trimestre del 2011.

Sempre nel secondo trimestre del 2012 la quota di mercato di CNH per l'agricoltura è rimasta in linea con l’andamento generale del mercato sia per i trattori sia per le mietitrebbiatrici.

Quest'ultima, è aumentata in America Latina e nell’area Apac (Asia-Pacifico) e nel trimestre, è rimasta in linea con l’andamento del mercato nordamericano.

A livello globale la produzione CNH di macchine per l’agricoltura è stata allineata all’andamento delle vendite ai clienti finali così da mantenere stabili i livelli delle scorte, sia di proprietà sia dei dealer.

 

Secondo trimestre 2012, i mercati

Nel trimestre la ripartizione geografica del fatturato delle macchine per il comparto agricolo e per le costruzioni si è distribuita prevalentemente nell'area nord americana (43%), seguita da quelle europea (35%), africana, medio orientale e del Commonwealth degli Stati Indipendenti (Eame & Cis) per trovare un 13% in America Latina e finire con il 9% nell’area Apac.

 

Novità nel mondo

In Europa e in Australia, New Holland Agriculture ha lanciato la nuova gamma di grandi presse BigBaler, caratterizzate da un aumento della capacità fino a venti punti percentuali e una densità fino al cinque per cento maggiore.

E’ stato poi introdotto il sistema flessibile SmartTrax nella famiglia di trattori T9 4WD, destinato agli agricoltori che praticano la policoltura e che grazie alle opportunità attualmente fornite dalle coltivazioni da reddito stanno diversificando le loro entrate.

In Brasile all’Agrishow, in collaborazione con Semeato, New Holland ha presentato la nuova piantatrice SOLTT; una gamma completa di soluzioni che vanno dalla più piccola alla più grande piantatrice presente nel mercato. Nella medesima occasione e sempre in collaborazione con Semeato, Case IH ha lanciato una nuova linea di prodotti per la semina senza lavorazione del terreno con modelli da 7 a 36 file.

A completamento della gamma di mietitrebbiatrici Twin Rotor, New Holland ha lanciato i nuovi modelli CR5080, CR6080SL e CR9080 equipaggiati con motori dai 300 ai 450 cavalli.

Nell’ambito della strategia Clean Energy Leader, sempre New Holland ha presentato un progetto sviluppato con il Centro per la Tecnologia della Canna da Zucchero (CTC) di Piracicaba, in Brasile, con lo scopo di ottenere energia rinnovabile dai residui della lavorazione della canna da zucchero.

In Sud Africa, Marocco e Tunisia, paesi chiave del continente africano, il brand ha lanciato la nuova gamma di trattori TT Compact equipaggiati con motori da 35 a 47 cavalli e sempre in Sud Africa, ha introdotto la nuova serie di trattori TD5 con motori Tier 3 da 88 a 110 cavalli equipaggiabili con trasmissione PowerShuttle e caricatore frontale.

In America Latina, Case IH, ha iniziato le consegne dei modelli di mietitrebbiatrice 7120 e 8120, che offrono dotazioni esclusive tra cui le trasmissioni CVT e il livellamento automatico del sistema di pulizia del prodotto.

Nello stabilimento della joint venture russa, Case IH ha, infine, iniziato l’assemblaggio della mietitrebbiatrice Axial Flow 6088 destinata al mercato locale.

 

Primo semestre 2012

Andando a considerare l'intero semestre 2012 appena trascorso i ricavi di CNH, in aumento sia per le macchine agricole che per le costruzioni, sono stati pari a 7,9 miliardi di euro, in crescita del 19% rispetto allo stesso periodo del 2011.

La quota per il comparto agricolo si è mantenuta in linea con il mercato registrando incrementi per le mietitrebbiatrici in tutte le aree, eccetto l’Eame e Cis.

 

FPT Industrial

Questo comparto produttivo, ha fatto registrare nel secondo trimestre del 2012 ricavi per 782 milioni di euro, in calo del 6,7% rispetto allo stesso periodo del 2011 per effetto del calo della domanda.

In questo periodo, ha però preso il via la produzione e la fornitura dei motori F5C Tier 4A con potenza superiore a 56 kW per il cliente Perkins e sono proseguiti gli avvii produttivi dei motori N45 e Cursor 13, entrambi Tier 4A, per applicazioni nelle macchine per l’agricoltura e le costruzioni di CNH.

 

Fatti di rilievo

E' del 30 maggio scorso la proposta di Fiat Industrial S.p.A. al consiglio di amministrazione di CNH Global N.V. - di cui controlla l’88% del capitale -, di valutare una fusione delle società nella nuova holding di diritto olandese 'Newco'.

Nel mese di luglio, poi, Fiat Industrial e la Banca Europea per gli Investimenti - BEI, hanno firmato un contratto di finanziamento di 350 milioni di euro a sostegno dei progetti di ricerca e sviluppo del Gruppo da realizzarsi presso cinque siti europei ubicati in Italia (83 per cento del totale della linea di credito), Germania (8 per cento) e Svizzera (9 per cento).

L’obiettivo principale dei progetti riguarda il miglioramento dell’efficienza energetica dei prodotti e la riduzione delle emissioni di CO2.

 

Prospettive per l’anno in corso

Sulla base delle performance ad oggi registrate dal Gruppo e delle aspettative circa il permanere di condizioni di mercato forti per tutti i settori, in particolare per CNH, Fiat Industrial conferma gli obiettivi per l' anno 2012, con ricavi di circa 25 miliardi di euro, risultato della gestione ordinaria tra 1,9 e 2,1 miliardi di euro, risultato netto di circa 0,9 miliardi di euro e indebitamento netto industriale tra 1 e 1,2 miliardi di euro.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 196.127 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner