Continua la mobilitazione degli agricoltori toscani

Presidio sull'Autostrada del Sole. Apima: 'La situazione è gravissima: a rischio migliaia di aziende'

Questo articolo è stato pubblicato oltre 9 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

unima-mobilitazione-agromeccanici-toscani.jpg

La protesta degli operatori agricoli e agromeccanici toscani

Non si ferma la protesta degli agricoltori toscani aderenti a Confagricoltura, Cia, Legacoop e degli agromeccanici facenti capo a Unima.

Dopo il sit-in davanti al Consiglio Regionale di Firenze, al quale hanno partecipato gli agromeccanici di Pisa, la scorsa settimana la protesta, che vedeva tra i suoi promotori l’Apima di Arezzo e l’Aema di Siena, ha preso le forme di un presidio di oltre 150 trattori e circa 1.300 operatori agricoli e agromeccanici all’ingresso dell’Autostrada del Sole "Uscita Valdichiana".

"La situazione è gravissima e il rischio, più che concreto, è quello di vedere migliaia di aziende chiudere i battenti mettendo in ginocchio tutti coloro che vivono del settore primario regionale, con ricadute devastanti sul turismo - ha spiegato il presidente dell’Apima di Arezzo, Giuseppe Milighetti – È finito il tempo in cui gli operatori del comparto potevano mantenere un profilo basso nelle loro richieste e attendere dalle istituzioni risposte mai arrivate; posso sin d’ora dire che, qualora non dovesse esserci alcun riscontro, il presidio sull’autostrada della scorsa settimana sarà stato solo un anticipo di quanto si vedrà nel mese di dicembre".

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 191.445 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner