Psr Abruzzo, il bando per i pagamenti compensativi alle zone montane

A disposizione sette milioni di euro per i contributi ad ettaro per le aziende che operano in montagna. Scadenza il 17 maggio 2021. All'interno il link al bando e alla documentazione

monte-san-franco-abruzzo-by-kallerna-wikipedia.jpg

Veduta del monte San Franco, in Abruzzo. La regione ha aperto il bando per gli indennizzi alle aziende agricole di montagna
Fonte foto: Kallerna - Wikipedia

E' aperto in Abruzzo il bando per richiedere i pagamenti compensativi per le aziende agricole in zone montane, con una dotazione totale di sette milioni di euro.

Il bando, attivato sulla sottomisura 13.1 del Psr, ha l'obiettivo di contrastare l'abbandono delle zone agricole montane, considerate un importante presidio per il territorio e per la tutela della biodiversità agraria.

Possono partecipare al bando come beneficiari tutti gli agricoltori singoli e associati, in attività, che siano in possesso e conducano appezzamenti ricadenti in aree montane secondo la classificazione regionale e riportate nella zonizzazione scaricabile in fondo all'articolo.

Il contributo previsto è una indennità ad ettaro, calcolata in base alla Superficie agricola utilizzata, per compensare almeno in parte i maggiori costi di gestione e la minor produttività di questi terreni.

Il contributo è diverso se l'azienda è zootecnica o no. Le aziende classificate zootecniche in questo bando sono quelle che allevano bovini, ovini, caprini o equini con un carico di capi di bestiame/Sau di almeno 0,2 Uba ad ettaro. Il carico di bestiame deve essere attestato dalla denuncia in Banca data nazionale della specifica anagrafe zootecnica.

Le aziende senza bestiame o con carico di bestiame inferiore a 0,2 Uba ad ettaro non sono considerate zootecniche.

Per le aziende zootecniche il contributo previsto è di:
  • 160 euro/ettaro per aziende fino a 10 ettari di Sau;
  • 80 euro/ettaro per aziende da 10 a 20 ettari di Sau;
  • 40 euro/ettaro per aziende da 20 a 50 ettari di Sau;
  • 20 euro/ettaro per aziende oltre i 50 ettari di Sau.

Per le aziende non zootecniche i contributi previsti sono:
  • 120 euro/ettari per aziende fino a 10 ettari di Sau;
  • 60 euro/ettari per aziende da 10 a 20 ettari di Sau;
  • 30 euro/ettari per aziende da 20 a 50 ettari di Sau;
  • 15 euro/ettari per aziende oltre i 50 ettari di Sau.
In ogni caso il contributo minimo richiedibile è di 250 euro.

Le domande di contributo devono essere inviate ad Agea tramite il portale Sian entro il 17 maggio 2021.
Per maggiori informazioni e dettagli si rimanda alla pagina ufficiale e al testo completo del bando.

Scarica la zonizzazione regionale delle zone montane

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 264.686 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner