Psr Umbria, il bando per i contributi compensativi nelle zone montane

A disposizione fino a 450 euro ad ettaro per compensare le difficoltà dovute alla coltivazione in montagna. Scadenza il 15 giugno 2020, all'interno il link al bando

monte-subasio-campagna-umbria-by-zyance-wikipedia-jpg.jpg

Una veduta della campagna sul monte Subasio in Umbria
Fonte foto: Zyance - Wikipedia

L'Umbria ha aperto il bando per richiedere i contributi compensativi per gli agricoltori che operano in zone montane per l'annualità 2020.

Il bando, aperto sulla sottomisura 13.1.1, ha l'obiettivo finale di evitare l'abbandono sia abitativo che agricolo di queste zone e per farlo mette a disposizione 7 milioni di euro.

Possono fare domanda gli agricoltori in attività (secondo il decreto ministeriale 6513 del 2014) che possiedano (in proprietà, affitto, usufrutto, comodato o in concessione) dei terreni in zone montane e che si impegnino a coltivarle per tutto il periodo coperto dal contributo, cioè dal 15 maggio 2020 al 14 maggio 2021.

Per poter fare la domanda è necessario condurre una superficie di almeno 1 ettaro, e nel caso di aziende zootecniche, di avere un carico di bestiame di almeno 0,5 Uba ad ettaro.

Il contributo verrà dato in una sola rata una volta verificato il rispetto dell'impegno a condurre il fondo.

I contributi sono stabiliti in un pagamento ad ettaro che varia in base al tipo di azienda (se zootecnica o no) e all'altitudine e alla pendenza media come riportato nella tabella seguente.

Tabella: Tipi di aziende

Le domande devono essere inviate ad Agea tramite il portale Sian entro il 15 giugno 2020.
Per maggiori informazioni e dettagli si rimanda alla pagina ufficiale e al testo completo del bando.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 228.829 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner