Psr Abruzzo, il bando per la promozione dei prodotti agricoli di qualità

A disposizione 1,5 milioni di euro per promuovere prodotti a denominazione di origine e biologici. Scadenza il 28 febbraio 2020. All'interno il link alla pagina ufficiale e al testo completo del bando

agroalimentare-by-monticellllo-fotolia-750.jpeg

Abruzzo, 1,5 milioni per promuovere i prodotti di qualità certificata
Fonte foto: © monticellllo - Fotolia

La Regione Abruzzo ha aperto il bando sull'intervento 3.2.1 del Psr denominato 'Informazione e promozione sui regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari' per l'anno 2020, con una dotazione finanziaria di 1,5 milioni di euro.

Lo scopo è quello di promuovere i prodotti agricoli di qualità certificata (Docg, Doc, Igt, Dop Igp e Sgt e bio) per aumentarne le quote di mercato. Nel dettaglio i prodotti che possono beneficiare della promozione sono elencati nell'allegato A del bando.

In particolare il bando vuol promuovere le azioni di informazione nei confronti dei consumatori e i distributori sui sistemi di qualità applicati, le caratteristiche nutrizionali, i metodi di produzione e sulla ricaduta ambientale positiva dei prodotti biologici.

Al bando possono partecipare come beneficiari le associazioni di produttori, anche riunite in Associazioni temporanee di scopo o di impresa (Ats e Ati) oltre che ai consorzi di tutela e Organizzazioni di produttori.

Per partecipare al bando deve essere presentato un progetto che preveda almeno una iniziativa di informazione e una iniziativa di promozione per un costo minimo di almeno 30mila euro, di cui il finanziamento coprirà il 70% della spesa.

Le iniziative di informazione ammesse sono: la partecipazione a fiere, mostre o altri eventi, la diffusione di conoscenze scientifiche e tecniche sui prodotti dei regimi di qualità e le attività presso le scuole.

Le iniziative di promozione possono essere: pubblicazioni, prodotti multimediali, siti web, cartelloni, campagne promozionali, incluse le attività svolte nei punti vendita, incontri con consumatori, workshop con operatori economici e acquisto di spazi promozionali e pubbliredazionali.

Le azioni di promozione finanziate dovranno essere effettuate entro dodici mesi dal momento in cui viene notificata l'approvazione del finanziamento.

Le domande di finanziamento, assieme ai progetti e agli altri documenti richiesti (documenti di identità, preventivi delle spese, atto costitutivo delle Ats e Ati, statuti delle organizzazioni e dei consorzi) devono essere inviate ad Agea tramite il portale Sian entro e non oltre il 28 febbraio 2020.

Per maggiori informazioni e dettagli si rimanda alla pagina web ufficiale e al testo completo del bando.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 214.018 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner