Arsial, la multifunzionalità come strumento di sviluppo

In un convegno dei giorni scorsi, l'amministratore dell'Agenzia regionale per lo sviluppo e l'innovazione in agricoltura ha ribadito l'importanza delle attività connesse all'agricoltura. All'interno una videointervista ad Antonio Rosati

cavalli-equitazione-cavallo-by-angelov-fotolia-750.jpeg

Multifunzionalità in agricoltura, le attività conesse, anche quelle sportive, come strumento di sviluppo rurale
Fonte foto: © Angelov - Fotolia

La multifunzionalità in agricoltura come strategia per l'integrazione e la diversificazione del reddito in agricoltura è stato il tema di un convegno che si è tenuto nei giorni scorsi a Cerveteri, in provincia di Roma.

Un convegno a cui ha partecipato anche Antonio Rosati, amministratore unico di Arsial, l'Agenzia regionale per lo sviluppo e l'innovazione in agricoltura del Lazio.

Per Rosati la multifunzionalità, intesa come attività connesse a quella agricola, è uno strumento fondamentale per alcune aziende, soprattutto in particolari contesti marginali, dove la presenza di imprese agricole rappresenta anche un presidio per il territorio e un'opportunità di sviluppo per il territorio stesso.

E per attività connesse multifunzionali Rosati ha voluto sottolineare che non si tratta solo di agriturismi, ma anche di attività didattiche, sportive o sociali, magari rivolte agli anziani.

L'obbiettivo di Arsial, come ha spiegato Rosati, è quello di difendere il paesaggio e le terre destinate all'agricoltura. E questo in una realtà, come quella del Lazio, fatta di piccole e medie aziende a cui molto spesso il solo reddito da produzione agricola non può garantire una permanenza sul territorio.

Una realtà territoriale che ha anche molti punti di forza come la vicinanza del porto di Civitavecchia e l'aeroporto di Fiumicino, oltre che la stessa Roma. Una realtà in cui per l'amministratore di Arsial è necessario cooperare e fare rete per sfruttare al meglio tutte le opportunità.

Guarda la videointervista all'amministratore unico di Arsial Antonio Rosati.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 185.100 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner