Marche, aperte le domande di risarcimento per le nevicate

Le aziende agricole e gli enti pubblici potranno richiedere i contributi per i danni fino all'11 dicembre. Ancora da decidere da parte del Mipaaf la quota delle risorse del Fondo di solidarietà destinata alla regione

Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

campo-innevato-neve-campi-innevati-inverno-by-etien-fotolia-750.jpeg

Le marche aprono le domadne per i risarcimenti delle nevicate di gennaio
Fonte foto: © Etien - Fotolia

Le Marche hanno aperto le domande per richiedere i contributi per il ripristino dei danni delle nevicate eccezionali del gennaio scorso.

Le domande devono essere presentate dalle aziende agricole e dagli enti pubblici che ricadono sui territori in cui è stata riconosciuta l'eccezionalità degli eventi come riportato nel Decreto ministeriale del 12 ottobre 2017.

Le aziende e le cooperative agricole, per ripristino strutture, scorte e impianti, dovranno presentare la domanda tramite il portale Siar.

I comuni e i consorzi di bonifica invece per richiedere i contributi per i danni a per i a strade interpoderali, fossi di confine e infrastrutture irrigue devono presentare la domanda tramite Pec.

Le domande dovranno essere inviate entro l'11 dicembre 2017.

I contributi saranno pagati con le risorse del Fondo di solidarietà nazionale che verranno successivamente ripartite dal Mipaaf, dopo che sarà stata raggiunta una intesa nella conferenza permanete stato regioni.

I contributi per le aziende agricole, ricorda l'assessore regionale all'Agricoltura Anna Casini, potranno essere dall'80% o 90% per le zone svantaggiate, ma sono ridotti del 50% in assenza di una polizza assicurativa aziendale a copertura di almeno il 50% della produzione media annua.

Per gli enti pubblici, per il ripristino di infrastrutture connesse all'attività agricola il contributo potrà arrivare al 100% con un massimo di 100 mila euro a comune.

In ogni caso come ricorda l’assessore, l'entità delle risorse assegnate alle Marche si conosceranno solo dopo la ripartizione.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 261.823 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner