Cibus Connect, una nuova scommessa dell'agroalimentare italiano

Presentata a Milano la prima edizione dell'appuntamento fieristico (12-13 aprile 2017) legato a Cibus. Un momento di confronto sull'agroalimentare, sulla scia della partnership Federalimentare-Fiere di Parma

Lorenzo Pelliconi di Lorenzo Pelliconi

Questo articolo è stato pubblicato oltre 2 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

ingresso-fiera-cibus.jpg

Il 12-13 aprile Fiere di Parma organizza Cibus Connect 2017
Fonte foto: © Cibus

Food, business B2B e mercati internazionali al centro della prima edizione di Cibus Connect, rassegna organizzata da Fiere di Parma insieme a Federalimentare, in programma mercoledì 12 e giovedì 13 aprile 2017, con oltre 500 aziende alimentari italiane selezionate in due padiglioni. Cibus Connect è un momento di incontro della community agroalimentare italiana e di programmazione, tramite incontri e workshop, della prossima edizione di Cibus 2018.

E’ necessario far conoscere non solo la qualità dei nostri prodotti, ma il valore assoluto dell’industria alimentare italiana – ha sottolineato nella conferenza stampa di presentazione Luigi Scordamaglia, presidente di Federalimentare – E' sicuramente un modello di riferimento apprezzato e sostenibile sullo scenario mondiale, ma anche leva di rilancio economico ed occupazionale per il nostro paese. Cibus Connect, uno strumento per dare continuità al messaggio anche negli anni dispari con strumenti efficaci e sperimentati quali incoming di operatori, visita dei territori e delle più qualificate realtè produttive”.

I recenti successi hanno confermato il primato e l’efficacia di Cibus come piattaforma per l’internazionalizzazione del made in Italy alimentare – ha spiegato Antonio Cellier, ceo di Fiere di Parma – Le prospettive di sviluppo per il futuro sono definite anche grazie al rinnovo decennale dell’accordo con Federalimentare. Nasce l’esigenza di una cadenza annuale per Cibus, che si allinea a tutte le grandi fiere del made in Italy. Lo facciamo cercando comunque di innovare capitalizzando la straordinaria esperienza maturata in Expo, quindi Cibus Connect sarà il test per un format fieristico breve, chiavi in mano, focalizzato su business matching e networking, sempre più condiviso con la nostra community”.

Il settore agroalimentare italiano ha dimostrato grande vitalità e notevole resilienza negli ultimi anni – ha poi ribadito Valerio De Molli, managing partner di The European House – Ambrosetti - La produzione industriale del settore agroalimentare è cresciuta di più di cinque punti percentuali negli ultimi 15 anni. Ancora più significativa è la crescita a valore: l’agroalimentare, con 135 miliardi di fatturato e quasi 36 miliardi di export, è il vero motore del sistema paese”.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 191.525 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner