Rifiuti agricoli, si torna sull'argomento

Il confronto delle esperienze italiane e la proposta di una normativa saranno al centro del convegno organizzato dal Consorzio fitosanitario provinciale in programma il prossimo 4 aprile a Reggio Emilia al Centro internazionale Loris Malaguzzi

Questo articolo è stato pubblicato oltre 5 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

convegno-rifiuti-agricoli-2014-reggio-emilia.jpg

Reggio Emilia, 4 aprile, ore 8.30

Si torna a discutere di rifiuti speciali agricoli, sia a livello nazionale che locale. Venerdì 4 aprile al Centro internazionale Loris Malaguzzi di Reggio Emilia si terrà il convegno: "Rifiuti agricoli: dall'esperienza una proposta ecocompatibile" organizzato nell'ambito della ricorrenza dei 50 anni di attività del Consorzio fitosanitario provinciale di Reggio Emilia.

L'evento, patrocinato dal ministero dell'Ambiente e dal ministero dell'Agricoltura, affronterà lo stato dell'arte della normativa attraverso l'analisi di diverse esperienze. Nel pomeriggio sarà presentata una proposta di gestione territoriale dei rifiuti agricoli che verrà discussa nell'ambito di una tavola rotonda.
Il workshop è organizzato dal Consorzio fitosanitario di Reggio Emilia in collaborazione con le Organizzazioni agricole.

In Puglia è in avvio un progetto realizzato tra vari partner, tra i quali la Provincia di Barletta-Andria-Trani (Bat). (Leggi qui la news).

A livello metapontino se ne parla in alcune video-interviste sull'argomento.
Nell'ambito della trasmissione "Madre Terra" della webtv "Jonica.tv" riporta un'intervista all'esperto Giuseppe Mele: "Quello che più mi preoccupa - afferma Mele - non sono tanto i costi più o meno alti (secondo alcuni punti di vista), ma sono soprattutto le responsabilità a cui viene legato l'agricoltore per un inutile carico burocratico da assolvere sotto la sua personale responsabilità, penale e civile. Anche se il carico burocratico viene assolto da altri per suo conto. La cosa potrebbe essere facilmente snellita e resa poco costosa, come hanno fatto da tempo in altre realtà italiane. La speranza, comunque, è che la normativa e le modalità gestionali dei rifiuti speciali agricoli siano uniformate nell'intero territorio nazionale e non solo a livello di territorio provinciale o, addirittura, comunale".

Il confronto delle esperienze italiane e la proposta di una normativa sarà effettuato nel convegno di Reggio Emilia.

Per  informazioni sul convegno clicca QUI

Scarica il programma del convegno in formato .Pdf



Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 206.903 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner