Consumi: la crisi non tocca il 'boom' del bio

Cia: 'Mentre l’alimentare tradizionale arranca, il biologico continua la sua corsa anche nel primo semestre del 2011 (+13%)'

Questo articolo è stato pubblicato oltre 8 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

Agroalimentare 3_400.jpg

"La crisi non intacca l'appeal del biologico, che guadagna ancora spazio nel carrello degli italiani. A dispetto della crisi dei consumi alimentari convenzionali, il segmento 'bio' continua a correre, mettendo a segno nel primo semestre del 2011 un aumento del 13%. Un dato che conferma e rafforza il risultato record già toccato nel 2010, quando il 'bio' ha brindato al +11,6%". Lo afferma la Cia,Confederazione italiana agricoltori.

E’ chiaro, dunque, il definitivo passaggio del biologico da moda passeggera o 'di nicchia' a vera e propria abitudine di spesa, osservano la Cia e la sua associazione per il biologico Anabio, come evidenzia la presenza massiccia dei prodotti biologici nelle catene della Gdo. 

Solo tra gennaio e aprile, infatti, gli acquisti 'bio' crescono del 14,6% nei supermercati, dell’11,8% negli ipermercati e addirittura del 16,1% nei discount (+16,1%). Rubando quote di mercato alle botteghe di quartiere e ai negozi tradizionali, che invece perdono il 46,9% rispetto allo stesso periodo del 2010.

"A trainare la spesa 'bio' in questa prima metà dell’anno - prosegue la Cia - sono sempre pasta e riso (+32,9%); latte e formaggi (+20,4%) in particolare mozzarelle (+82,7%); biscotti e dolciumi (+15,4%) ma senza il pane (-11,3%); uova (+13,4%)".

E anche il mondo produttivo si adegua al 'boom' del biologico. Nel 2010 il numero dei bioagricoltori diminuisce sì del 3,3% rispetto al 2009 (41.807 unità contro le 43.230 dell’anno precedente), ma contemporaneamente cresce sia la superficie totale dedicata (1.113.742 ettari rispetto ai 1.106.684 del 2009) sia la superficie media aziendale, che raggiunge i 26,6 ettari per azienda (+3,9% sul 2009) mentre la media nel convenzionale resta a 7,9 ettari. 

"Questo vuol dire che nell’ultimo anno c’è stata una sorta di 'scrematura' naturale - spiegano Cia e Anabio - che ha coinvolto prevalentemente le imprese di piccolissime dimensioni e le aziende meno strutturate, con una conseguente ristrutturazione del sistema in direzione di un superamento del fenomeno della polverizzazione". 

"Sempre nel 2010, sono aumentati del 22% annuo i produttori agricoli che effettuano anche attività di trasformazione e vendita diretta - conclude la Cia - prediligendo il mercato breve e il rapporto diretto con i consumatori".

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 206.917 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner